Milan-Rijeka, possibile chance per Paletta e Jose Mauri da titolari

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Milan-Rijeka

Milan-Rijeka, Paletta verso l’esordio stagionale

Milan-Rijeka, altra rivoluzione per Montella. Dopo l’improvviso addio al preparatore atletico Emanuele Marra, uno dei fedelissimi di Montella, i rossoneri si concentrano sul match di Europa League contro il Rijeka. I croati, sulla carta, sono la squadra più debole del girone e hanno già perso all’esordio casalingo contro l‘Aek Atene. Con la Roma nel mirino, Montella farà ricorso ad largo turnover giovedì sera a San Siro. Il tecnico milanista dovrebbe confermare il 3-5-2, ma con molti interpreti diversi rispetto a Genova. Bonucci, Biglia e Kalinic sono i candidati principali ad osservare un turno di riposo. In difesa ci dovrebbe essere una chance dal primo minuto per Paletta, che non ha ancora giocato un minuto ufficiale in questo inizio di stagione. Dopo un’estate vissuta sull’uscio di Milanello l’italo-argentino è forse l’unico difensore nella rosa rossonera a poter sostituire Bonucci. Insieme all’ex Parma ci dovrebbero essere Musacchio e Zapata.

Montella valuterà nella giornata di oggi le condizioni di Calabria e Antonelli. I due laterali hanno saltato la trasferta di Genova, ma potrebbero tornare disponibili per il Rijeka. L’ex Genoa potrebbe rilevare Rodriguez, mentre a destra potrebbe vedersi Borini dall’inizio. Tante novità anche a centrocampo con Locatelli-Josè Mauri pronti a supportare Calhanoglu. Il turco è atteso al salto di qualità. Il dualismo con Bonaventura non sta giovando a nessuno dei due. Montella forse farebbe bene a pensare una squadra che prevede i due fantasisti in campo contemporaneamente.

Milan-Rijeka, Suso in panchina. Davanti André Silva-Cutrone

Milan-Rijeka, attacco nuovo per Montella. Grandi novità anche in attacco per giovedì sera. Come detto Kalinic riposerà in vista della Roma. Il centravanti croato ha giocato tanto e Montella vuole preservarlo in vista della sfida con i giallorossi. Spazio dunque al tandem André Silva-Cutrone. I due giovani attaccanti hanno giocato insieme nel ritorno del playoff di Europa League contro lo Shkendija. Il portoghese contro la Sampdoria è rimasto a guardare per 90 minuti, mentre l’azzurrino ha giocato solo gli ultimi dieci minuti.

Probabile panchina per Suso. Lo spagnolo, fresco di rinnovo di contratto, è un po’ il punto interrogativo del Milan attuale. L’ex Liverpool non convince ancora da seconda punta, ruolo in cui si sente troppo ingabbiato. Suso ha bisogno di spazio per inventare con il suo mancino. Largo a destra aveva trovato il suo habitat naturale. La conversione di Montella al 3-5-2 ha obbligato lo spagnolo ad abbandonare la sua zona prediletta. Questo nuovo sistema non ha ancora convinto. Ma prima di numeri e tattica il Milan deve dimostrare, già con il Rijeka, di cambiare atteggiamento mentale.”Sconfitte come quelle con la Samp non devono più ripetersi”, le parole di Fassone devono restare ben nella mente di tutto l’ambiente rossonero. La pazienza dei nuovi dirigenti del Milan è già stata messa a dura prova in questo inizio di stagione. Meglio cercare di far tornare il sereno a Milanello per preparare al meglio il doppio impegno Roma-Inter, primo vero bivio stagionale per Montella e la sua truppa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: