Euro 2016: De Sciglio rigenerato dalla cura Conte

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

mattia-de-sciglio-seamus-coleman-italy-republic-of-ireland-euro-2016-22062016_iix7a7ookusb10whd909hcn6h

De Sciglio 2.0. Il terzino del Milan, sotto la cura Conte, sta dimostrando il suo vero valore, quello che lo ha lanciato nel calcio che conta. Intanto il mercato incombe.

Rigenerato? Lo possiamo dire a voce alta. Il Mattia De Sciglio di questo Euro 2016 è tutt’altro calciatore rispetto a quello timido e impacciato visto nelle ultime due stagioni con la maglia rossonera, quando la critica non ha esitato ad inserirlo nella lista di quei calciatori ingenui e privi di grinta per poter calcare certi palcoscenici.
Eppure a pochi è sorto il dubbio che De Sciglio, dopo la prima straordinaria stagione, avesse patito quello che un pò tutti i calciatori del Milan hanno patito vivendo in uno stato di confusione generale soprattutto societaria che ha tolto tranquillità anche a chi lavora sul campo.
Questo europeo, tuttavia, ha riproposto il numero 2 tra i migliori esterni della competizione, un giocatore in grado di fermare il proprio avversario, fare tagli difensivi perfetti per poi riproporsi in fase offensiva quando la necessità lo richiede, per non dimenticare dei continui cross taglianti che mette nelle aree di rigore avversarie, a dimostrazione che la cura Conte sta raccogliendo i frutti sperati.
Il popolo rossonero al momento è in visibilio per il proprio beniamino ma allo stesso tempo è preoccupato perché Mattia De Sciglio ha mercato e squadre come Juventus, Napoli e Roma sono pronte a far recapitare negli uffici di Via Aldo Rossi un’offerta vantaggiosa. Cosa farà il Milan a fronte di queste richieste ma, soprattutto, cosa farà il classe 92? Sceglierà di seguire il cuore restando al Milan, praticamente casa sua, oppure opterà per una nuova esperienza in qualche club capace di rilanciarlo consacrandolo definitivamente?
Al momento non è dato sapere il futuro di De Sciglio completamente preso,come il resto del gruppo, da questo Europeo con la speranza che il cammino possa durare ancora a lungo, per il dopo c’è tempo. Il terzino, infatti, sicuramente si siederà con i dirigenti del Milan per capire un pò la situazione, anche societaria, sempre a patto che non sia lo stesso Milan a voler monetizzare vendendolo al migliore offerente, anche se un’eventuale cessione andrebbe a screditare un pò il diktat di quest’ultimo periodo, dove si vede un Silvio Berlusconi seriamente intenzionato a dar vita ad un Milan italiano e, se possibile, giovane, con o senza cinesi; quelle appena menzionate sono caratteristiche tutte a favore di De Sciglio che vanno ad aggiungersi a quella qualità che ha di suo, magari, l’unica cosa che realmente gli si potrebbe imputare è la fin troppa educazione quando è risaputo che nel calcio, soprattutto in certe sfide, c’è bisogno di quel pizzico di cattiveria agonistica in più.
Intanto a tutti i tifosi, italiani e rossoneri, non resta da fare altro che sostenere il ragazzo come il resto della nazionale perché il sogno accarezzato dopo la vittoria contro la Spagna possa continuare anche sabato sera nell’ennesima sfida proibitiva contro i Campioni del Mondo della Germania, in un match che ne siamo certi vedrà tra i protagonisti anche il numero 2 rossonero.

  •   
  •  
  •  
  •