Euro 2016 tra tecnologia e calcio. Le nuove proposte applicate a Euro 2016. Il GDS, il Refscomm e la moviola in campo.

Pubblicato il autore: Mirko Madau Segui

Euro-2016Manca poco ormai all’inizio dei tanti attesi europei di calcio che si svolgeranno in Francia che, nonostante le mille difficoltà organizzative legate alla sicurezza nazionale, ha deciso di prendere coraggio e intensificare i controlli. In relazione alla sicurezza nei dieci stadi dove si giocheranno le partite dal 10 Giugno 2016, le unità antiterrorismo con al comando Ziad Khoury hanno messo in atto un sistema anti-drone. Questo sistema, come spiega il comandante dei gendarmi francesi Ziad Khoury, si avvale di un collegamento tramite un segnale GPS che rileva eventuali presenze indesiderate nel perimetro dello stadio, intercettando in questo modo il velivolo e facendolo progressivamente allontanare dalla “no-fly-zone” preparata in precedenza che dovrebbe coprire un perimetro intorno agli stadi  di cento metri e anche nei ventiquattro campi di allenamento delle squadre.

Un drone C 29

Un drone C 29

Come ha però affermato lo stesso comandante della gendarmeria, si farà tutto il possibile per ottenere il massimo controllo anche se non sarà facile. Tecnologia che non sarà solo applicata dalle forze antiterrorismo per assicurare il totale controllo della situazione in termini di sicurezza. L’organo Fifa in accordo con la Uefa, comitato organizzatore degli Europei, ha deciso di tentare un primo approccio alla tecnologia in campo. Ovviamente già una parte importante dell’ambiente calcistico è influenzato dalla tecnologia. Infatti i guardalinee già da tempo sono forniti di bandierine a cui è collegato un ripetitore posto nell’avambraccio dell’arbitro che emette delle vibrazioni richiamando l’attenzione del giudice di gara che segnala immediatamente la presenza del fuorigioco. Ovviamente tutti tra arbitri, guardalinee, arbitri addizionali di porta e quarto uomo sono forniti di trasmittenti con microfoni per comunicare costantemente tra loro per ogni eventualità, anche per segnalazioni meteo che potrebbero influire sul campo.

arbitro Fifa durante una partita con il Refscomm System

arbitro Fifa durante una partita con il Refscomm System

Questo sistema di comunicazione si chiama Refscomm System e già dai mondiali 2006 viene utilizzato dai giudici di gara per prendere le decisioni più importanti. Ma c’è un metodo specifico per indossare tutto l’occorrente.
Da pochi anni ormai, come già visto in Inghilterra, gli arbitri utilizzano anche la GDS così abbreviata che significa Goal Detection System di cui parleremo in seguito in questo articolo. C’è solo da sapere che l’arbitro oltre ad indossare il classico orologio cronometro al polso adesso indossa anche un altro strumento da polso che indica quando la palla si trova oltre la linea di porta o no. Necessario quindi per l’assegnazione di una rete.

Descrizione della composizione  strumentistica fornita aglia arbitri

Descrizione della composizione strumentistica fornita agli arbitri

Passiamo ad una descrizione teorica e visiva degli strumenti messi a dispsizione agli arbitri.
Partiamo dal punto 1: sotto l’uniforme del giudice di gara è visibile un’avvallamento dove si trova il ricevitore radio che arriva all’auricolare e al microfono principale indicato al punto 2
Al punto 2 vediamo che l’arbitro ha all’orecchio un auricolare a cui è collegato un microfono che permette così a tutti i giudici di gara di comunicare a distanza tra loro attraverso un ricevitore che invia e riceve segnali attraverso la tecnologia wireless.
Al punto 3 arriviamo a parlare del ricevitore per le bandierine dei guardalinee. Questo sistema, anch’esso wireless riceve e invia costantemente segnali dalle bandierine al ricevitore e quando il guardalinee segnala il fuorigioco preme un pulsante posto sul manico della bandierina e subito l’arbitro riceve la segnalazione attraverso una vibrazione del congegno seguito da accertamenti audio.
Al punto 3 vediamo che l’arbitro indossa il normalissimo cronometro che viene utilizzato per scandire i tempi della partita e non credo che abbia bisogno di spiegazioni e parte fondamentale per un giudice di gara.
Al punto 5 vediamo, anche in questo caso, il fischietto con il quale l’arbitro segnala ogni eventuale scorrettezza collegato al braccio tramite una cordicella per evitare di cadere durante i movimenti concitati della partita come vediamo al punto 6.
Al punto 7 arriviamo alla tecnologia GDS.
Prima di passare alla definizione di questo termine premetto che, agli Europei 2016 verrà utilizzata la Goal Detection System. Questo sistema altamente tecnologico verrà utilizzato nelle porte da calcio d’ora in poi e si compone di un sensore posto all’interno della traversa proprio sopra la linea di porta per indicare se il tiro, in caso di dubbio, sia goal oppure no. Questo piccolo sensore è collegato ad un bracciale al polso dell’arbitro, grazie anche alle telecamere poste in punti strategici vicini alla porta come indicato in figura, è dotato di uno schermo LCD che indica all’arbitro in tempo reale se il goal, in caso di dubbio, sia da assegnare. Questa tecnologia è così precisa che l’arbitro si può fidare ciecamente dell’indicazione che fornisce perchè il sensore è estremamente sensibile.
Gli ultimi due punti non c’è alcun bisogno di descriverli perchè sono l’uniforme del giudice di gara e la penna con cui l’arbitro annota nel taccuino e nei cartellini i numeri dei giocatori con sanzioni, ammoniti ed espulsi.

Formazione giudici di gara e il loro posizionamento in campo

Formazione giudici di gara e il loro posizionamento in campo

Goal Control Bracelet

Goal Control Bracelet

Football League goal decision

Football League goal decision

telecamere per il GDS

telecamere per il GDS

Altro avvenimento storico nel calcio è l’eventuale utilizzo della moviola in campo durante gli Europei 2016, che permetterebbe ai giudici di vedere in tempo reale il replay dell’azione ed eventualmente correggere l’errore. Questa informazione però sarebbe stata smentita dagli organi Uefa perchè influenzerebbe troppo gli arbitri nelle loro decisioni e ne comprometterebbe oltremodo la loro capacità di giudizio indipendente da ciò che sentono e vedono nei minuti direttamente postumi della decisione. Errori che poi verrebbero fatti notare durante la riunione con i responsabili della moviola arbitrale.
Nelle ultime ore di oggi Martedì 06 Giugno 2016 la Fifa avrebbe fatto sapere di volere provare questa nuova tecnica di direzione, che attenzione non eliminerebbe gli addizionali di porta nè i guardalinee dalle loro funzioni, durante gli Europei di calcio in programma in Francia dal 10 Giugno fino all’inizio di Luglio per testare le capacità decisionali degli arbitri in situazioni sotto stress e difficili da gestire.

serie di telecamere che verranno utilizzate negli Europei di calcio per la moviola in campo, trasmettendo in diretta le immagini dell'azione a cui l'arbitro si può appoggiare per le sue decisioni.

serie di telecamere che verranno utilizzate negli Europei di calcio per la moviola in campo, trasmettendo in diretta le immagini dell’azione a cui l’arbitro si può appoggiare per le sue decisioni.

 

Leggi anche:  Euro 2020, dove vedere Spagna-Polonia: streaming e diretta tv in chiaro?

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,