Portogallo: la rivincita di Quaresma, l’anti Cristiano Ronaldo

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

portogallo quaresmaPortogallo in semifinale agli Europei per la quarta volta negli ultimi cinque campionati continentali, tutto merito di Cristiano Ronaldo? Neanche per sogno, l’eroe dei lusitani a Euro 2016 è Ricardo Andrade Quaresma Bernardo, l’ex cocco di Mourinho ai tempi dell’Inter. Quaresma , a quasi 33 anni, sta vivendo un’annata magica, campione di Turchia con il Besiktas e ora trascinatore del Portogallo in Francia. L’ex interista ha segnato il gol partita negli ottavi di finale contro la Croazia, allo scadere dei supplementari e il rigore decisivo contro la Polonia, che ha regalato la semifinale ai lusitani. Ne è passata di acqua sotto i ponti dall’estate del 2008, quando l‘Inter del presidente Moratti, su suggerimento di Mourinho, prelevò Quaresma dal Porto per circa 30 milioni di euro ( 18 milioni più Pelè più 6 milioni di bonus). Quaresma arrivò a Milano con la fama di mister Trivela, cioè il modo di crossare con l’esterno del piede, che ne fece subito un personaggio del campionato di serie A. Quaresma, dopo un buon inizio, faticò ad imporsi in nerazzurro, tanto da lasciare l’Italia per la Turchia nell’estate del 2010. Dopo due anni deludenti con il Besiktas, c’è la fugace esperienza all’Al Ahli, prima del ritorno in Portogallo con la maglia del Porto. Nell’estate del 2015 Quaresma torna in Turchia, sempre con la maglia del Besiktas, che in questa stagione vince il campionato turco, giocando con altri ex del campionato italiano come Josè Sosa e Mario Gomez. Mai titolare nelle cinque partite finora disputate agli Europer dal Portogallo, Quaresma ha però saputo ritagliarsi un ruolo da protagonista nella squadra allenata da Fernando Santos, oscurando addirittura la stella di Ronaldo. Una seconda giovinezza dunque per Quaresma, accantonata la Trivela, in questa Portogallo cinico e poco spettacolare serve concretezza e praticità, meglio tardi che mai.

Portogallo: Cristiano Ronaldo, più utile che bello

E’ chiaro che CR7 non stia vivendo in Francia un grande momento di forma psicofisica, come d’altronde l’ultima stagione con il Real Madrid, dove comunque il fenomeno portoghese ha alzato la sue terza personale Champions League. Due reti segnate per Ronaldo a Euro 2016, entrambe contro l’Ungheria, il match più sofferto dei lusitani a Euro 2016,  e tanto sacrificio per una squadra che poco si adatta alle qualità dell’ex Manchester United. Al Portogallo va bene così, non hanno mai vinto nei 90 minuti, ma non hanno mai perso, Cristiano Ronaldo non segna da due partite, chiunque sia l’avversario in semifinale tra Belgio e Galles, il Portogallo non vuole fermarsi di nuovo in semifinale.

  •   
  •  
  •  
  •