Liga, ecco i risultati e la classifica dopo l’infrasettimanale: Real capolista solitario

Pubblicato il autore: Nello Simonetti Segui

real-madrid-home-adidas-1
Non una grande prestazione, non un risultato che lascia soddisfatti i sempre raffinati tifosi blancos, ma comunque un Real capolista solitario della Liga al termine del turno infrasettimanale della Liga conclusosi ieri con i posticipi del giovedì in cui spicca la prima vittoria del Valencia dopo il pessimo inizio culminato in quattro sconfitte in altrettante gare. Ma andiamo con ordine.
Partiamo proprio dal Real capolista solitario di questa Liga. Dicevamo di una prestazione non esaltante degli uomini di Zidane, colpiti a fine primo tempo da un calcio di rigore di Soriano, concesso dall’arbitro per fallo di mano di Sergio Ramos, ma bravi a rimettere subito le cose a posto proprio con il difensore goleador ad inizio ripresa. Inutili gli assalti, confusi e sconclusionati per la verità, portati avanti per tutta la ripresa, così come l’ingresso di Morata.
La BBC, per una volta ha le polveri bagnate ed il risultato non si schioda più.
I valenciani portano a casa un punto d’oro, ma, tutto sommato, un mezzo passo falso quasi indolore anche per gli stessi padroni di casa, aiutati dal pari del Camp Nou tra Barcellona ed Atletico Madrid, che fa rimanere il Real capolista solitario con distanze invariate dalle più accreditate inseguitrici. Facciamo però prima un passo indietro e parliamo dell’altro big match di questo turno infrasettimanale, ossia il derby di Siviglia giocato martedì, tra i padroni di casa ed il Betis. Un gol di Mercado nella ripresa ha regalato a Sampaoli la sua prima vittoria nella stracittadina, ma il Betis esce infuriato dal Sánchez Pizjuán a causa di un gol regolare annullato per un fuorigioco inesistente. Tornando al Camp Nou, lo scontro diretto si chiude, come detto, sul risultato di parità (1-1). Al vantaggio blaugrana firmato Rakitic ad inizio ripresa, replica Correa. La notizia peggiore però per il Barcellona non è tanto il pari, o il Real capolista solitario, bensì l’infortunio di Messi, fermato da un problema muscolare che lo costringerà ad almeno qualche settimana di stop. I riflessi su quelli che saranno i risultati della squadra non sono ovviamente prevedibili, ma è chiaro che si tratta di una perdita pesantissima ed il Real capolista solitario può approfittarne per rimpinguare il distacco di tre punti che ora separa le due grandi contendenti.

Le altre –
Spicca nell’ultimo posticipo di ieri la vittoria del Valencia appena passato sotto la guida tecnica di Voro. Le quattro sconfitte patite nelle prima quattro giornate avevano fatto scattare diversi campanelli d’allarme, ma il primo successo ai danni dell’Alaves, all’esordio del nuovo tecnico, restituisce un minimo di serenità.
Stesso discorso per il Celta Vigo, che trova contro il Gijon la prima vittoria stagionale. Un rigore di Aspas nel finale regala un successo prezioso, dopo il complicato inizio. Chiudono il quadro i successi esterni di Leganes (a La Coruna), Athletic Bilbao (a Granada) ed Espanyol (a Pamplona con l’Osasuna), tutti con il medesimo risultato (1-2) e le vittorie di Real Sociedad e Malaga rispettivamente su Las Palmas (4-1) ed Eibar (2-1). Le squadre basche avvicinano così la zona Europa, mentre in coda, rimangono ultime e a secco di vittorie Granada e Osasuna.

Leggi anche:  Real Madrid, ottavi Champions incerti: le parole di Zidane a fine gara
  •   
  •  
  •  
  •