Il Barcellona ne prende quattro dal Celta Vigo: clamorosa sconfitta in Liga

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
barcellona

Luis Enrique

Il Barcellona perde contro il Celta Vigo per 4-3 e scivola al quarto posto in classifica, scavalcato da Siviglia e Atletico Madrid. Avvio shock per i blaugrana, ancora privi di Messi, al Balaidos, tre gol subiti in poco più di mezz’ora e match compromesso per le reti di Sisto, Aspas e l’autogol di Mathieu. Nella ripresa è Piquè a suonare la carica, un rigore di Neymar rimette ulteriormente il Barcellona in partita, la rimonta sembra possibile. Gli uomini di Luis Enrique ci credono, ma si sbilanciano e subiscono il gol del 4-2  di Hernandez, inutile il gol nel finale ancora di Piquè. Per il secondo anno consecutivo il Barcellona ne becca 4 a Vigo contro il Celta, esattamente un anno fa i blaugrana perdevano per 4-1, giocando una delle peggiori partite della gestione Luis Enrique. Evidentemente il Balaidos è indigesto per Messi e compagni, Barcellona che aveva mostrato delle crepe già nella partita di Champions League contro il Borussia Moenchengladbach. Quella contro il Celta è già la seconda sconfitta in campionato per il Barcellona, dopo quella ancor più sorprendente in casa contro l’Alaves. Oltre alle sconfitte a preoccupare Luis Enrique deve essere il dato dei gol subiti, ben 10 nelle prime 7 partite di Liga, decisamente troppi per una squadra che ha sempre fatto della solidità difensiva una sua virtù. A Vigo anche lo schieramento deciso da Luis Enrique a centrocampo non ha convinto, con Andrè Gomes e Arda Turan che hanno sbilanciato troppo i blaugrana, esponendosi al contropiede micidiale del Celta Vigo.
Dopo la sosta ci sarà il rientro di Messi, senza di lui il Barcellona gioca meno bene, Neymar e Suarez perdono il loro centro di gravità permanente, tutta la squadra risente della mancanza del suo capitano.

Barcellona KO: il Real Madrid non ne approfitta, pari con l’Eibar

Se Atene piange Sparta non ride,se il Barcellona si lecca le ferite dopo il KO di Vigo, il Real Madrid non può certo sorridere dopo il pareggio interno,1-1, contro l’Eibar. Tra campionato e coppa è il quarto pareggio consecutivo per Zidane, raggiunto in classifica dall’Atletico Madrid di Simeone. Il Real Madrid è andato subito in svantaggio, per poi pareggiare già nel primo tempo con Bale. Nella ripresa dominio sterile dei Blancos, inutile anche l’ingresso di Morata al posto di uno spento Benzema, poche occasioni ed Eibar bravo a chiudere tutti gli spazi. Nervoso ancora una volta Cristiano Ronaldo, che sembra ancora lontano dalla sua miglior forma fisica, il post Europeo sta durando più del previsto per il fuoriclasse portoghese.
Gode Simeone, che grazie al 2-0 del Mestalla contro il Valencia aggancia il Real Madrid in testa e sorpassa il Barcellona. Unico neo per l’Atletico Madrid i due rigori sbagliati, con Griezmann che soffre ancora della sindrome San Siro e che probabilmente non tirerà più rigori per un bel po’ di tempo.

  •   
  •  
  •  
  •