Coppa del Re, favola Alaves: i baschi raggiungono il Barcellona in finale

Pubblicato il autore: MATTIA D'OTTAVIO Segui

Coppa del Re, Alaves in finale!

Coppa del Re, che impresa dell’Alaves! I baschi nella gara di ritorno battono uno a zero il Celta Vigo e volano in finale dove ad aspettarli c’è il Barcellona. La piccola squadra di Vitoria compie un mini miracolo raggiungendo per la prima volta nella loro storia la finale nella Coppa nazionale spagnola. Nella gara d’andata a Vigo era arrivata una partita spigolosa, chiusasi a reti bianche, ieri sera al Mendizorrosa è bastato un gol di Edgar a meno di dieci minuti dal novantesimo per mandare i padroni di casa in paradiso. Il 27 maggio (lo stadio che ospiterà la finale è ancora da stabilire) andrà in scena la finale che vedrà di fronte il favoritissimo Barça e la Cenerentola Alaves.

Gli uomini di Luis Enrique nell’altra semifinale hanno avuto la meglio al termine di due battaglie dell’Atletico del Cholo Simeone, ma nel capitolo conclusivo dovranno fare attenzione ai terribili baschi guidati da Mauricio Pellegrino. Chissà in quanti ricordano il cammino incredibile dell’Alaves nella Coppa Uefa, ormai Europa League, del 2000/2001. Tra le vittime eccellenti ci fu anche l’Inter che negli Ottavi pareggiò 3 a 3 in Spagna, subendo la rimonta dal 3 a 1 e nel ritorno a San Siro fu sconfitta 2 a 0, con il pubblico del Meazza che a fine partita contestò ferocemente la squadra. In finale il piccolo Alaves dovette cedere al Liverpool al termine di una partita incredibile, finita col punteggio di 5 a 4 ai supplementari, decisivo il golden gol (o forse meglio golden “autogol”, dal momento che Geli infilò la propria porta) per i Reds.

Leggi anche:  Buon compleanno José Mourinho! Lo Special One festeggia 58 anni

Sedici anni dopo un’altra finale, questa volta contro il Barcellona dei fenomeni Neymar, Suarez, Messi. Stagione da incorniciare per l’Alaves, che da neopromossa, in Liga naviga tranquillamente a metà classifica ad otto punti di distanza da una qualificazione in Europa League che sarebbe straordinaria, mentre la zona retrocessione è lontana, a 14 punti. Quest’anno inoltre, i baschi sono gli unici ad essere riusciti a sbancare il Camp Nou, con un 2 a 1 a sorpresa, anche se Luis Enrique aveva usato un ampio turnover. Dei tre tenori davanti infatti, c’era il solo Neymar e a segnare è stato il difensore Mathieu su calcio d’angolo. Sabato in campionato ci sarà la gara di ritorno e i catalani avranno la possibilità di vendicarsi, magari approfittando di un avversario un po’ distratto dalla sbornia per l’impresa appena centrata. Il giorno della finale a maggio però dovranno fare attenzione, perché hanno la grana Suarez, espulso contro l’Atletico e quindi squalificato. Il Barcellona ha dichiarato che presenterà ricorso contro il secondo cartellino giallo e quindi spera di avere a disposizione il Pistolero in finale. Dalla parte dei catalani senza dubbio la storia, sono la squadra che disputerà per la quarantesima volta una finale di Coppa del Re, mentre l’Alaves è alla prima apparizione all’atto conclusivo, e anche il pronostico, la differenza di forze in campo è palese. Per i baschi può contare senza dubbio l’entusiasmo, di sicuro inoltre non hanno niente da perdere, comunque vada loro un po’ hanno già vinto. Il 27 maggio sarà di nuovo Davide contro Golia, una finale inedita e già non vediamo l’ora.

  •   
  •  
  •  
  •