Ibrahimovic vince e ironizza: “La mia statua al posto della Tour Eiffel”

Pubblicato il autore: Luca Vincenzo Fortunato Segui

ibracita
Monsieur umiltà Ibrahimovic torna a far parlare di sé grazie all’ennesima perla post-partita. Infatti il bomber svedese, dopo la roboante vittoria del suo PSG a Troyes per 0-9 con poker di sua firma, si è lasciato sfuggire una dichiarazione a Bein Sport che ha fatto sorridere e preoccupare al tempo stesso i tifosi parigini.
“Sono felice. Con i tifosi ho sempre avuto un buon rapporto e il club si è preso cura di me. Al momento non so’ che succederà l’anno prossimo”, ammette Zlatan, “Non credo possano rimpiazzare la Tour Eiffel con una mia statua. Se ce la facessero rimarrei qui, promesso”.
Parole scherzose, ma che indicano la vera e propria rottura tra Paris Saint Germain e Zlatan Ibrahimovic, ormai pronto a cambiare aria dopo 4 anni di trofei e glorie personali.
In effetti Ibracadabra ha realizzato ben 102 gol in 115 partite di Ligue 1, di cui 23 solamente in questa stagione (senza scordare gli attuali 11 assist). Alle difese d’oltralpe non ha più nulla da dire, le conosce un po’ come le sue tasche. Tra l’altro è tornato decisivo anche nella fase ad eliminazione diretta di Champions con il gol e l’assist allo Stamford Bridge toccando quota 50 gol e facendo entrare di diritto il PSG tra le 8 grandi d’Europa. Questa coppa continentale è proprio il sogno incompiuto dello svedese che cercherà in tutti i modi di ottenere in questa terra piena di amore e gratitudine nei suoi confronti.
Qualunque sia il verdetto finale di stagione, il sempreverde 34enne ormai è indirizzato verso altre realtà che passano dal ritorno in Italia, sponda Milan, alla sfida britannica (Chelsea o Manchester United) oppure al fascino d’oltremare della MLS dei vari Drogba e Pirlo.
Aldilà della scelta professionale, questo goleador meriterebbe una statua da annoverare nel Museo di ogni città in cui ha giocato, ma anche una pietra dove scrivere ogni sua ‘citazione celebre’!

Le altre perle ‘celebri’: Io sono Zlatan, voi chi diavolo siete?’ (prima del trasferimento all’Ajax) , ‘Zlatan non fa provini’ (il rifiuto al provino di Wenger ) , ‘Se non trovo qualcosa che faccia al caso mio, allora compro un hotel’ (prima del trasferimento al PSG) , ‘Quello che John Carew può fare con un pallone, posso farlo con un’arancia ‘ (dopo critiche del norvegese)

 

L'ironia del web dopo la 'perla' di Ibrahimovic (fonte: rompipallone)

L’ironia del web dopo la ‘perla’ di Ibrahimovic (fonte: rompipallone)

 

  •   
  •  
  •  
  •