Balotelli difeso dalla stampa francese: “L’arbitro non avrà dormito bene stanotte”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
balotelli

Mario Balotelli

Balotelli sempre più protagonista in Ligue 1, SuperMario sta trascinando il Nizza capolista del campionato francese, ma contro il Lorient è stato espulso, scatenando un vero caso in Francia.“L’arbitro non avrà dormito bene stanotte”, così recita la stampa francese, schieratasi in blocco dalla parte di Balotelli.Uno scandalo rinacara la dose il Nice Matin, “L’espulsione più ingiusta della storia” recita Rmc. Evidentemente la fama di Balotelli lo ha preceduto e gli arbitri sono un po’ prevenuti nei suoi confronti. SuperMario è stato espulso contro il Lorient per doppia ammonizione, la prima per essersi tolto la maglia dopo aver segnato il gol del 2-1, la seconda per una lieve reazione in seguito ad un fallo subito. Insomma solito genio e sregolatezza si potrebbe dire, ma, forse per la prima volta nella sua carriera, la stampa è con lui e ne ha preso le difese. L’accenno di testata dopo il fallo subito non è sembrato così grave da subire la seconda ammonizione. Questa espulsione costerà a Balotelli una squalifica che gli farà saltare il big match contro il Lione, che si giocherà dopo la sosta. SuperMario ha vissuto un inizio di stagione ottimo con il Nizza, sei gol stagionali già segnati tra campionato ed Europa League, ottimo feeling con allenatore, compagni e pubblico. Balotelli sembra aver portato dalla sua parte anche la stampa francese, mai tenera con i giocatori stranieri, ma già entusiasta dell’ex milanista.
Balotelli sembra aver fatto la scelta giusta, il Nizza è una squadra giovane e piena di entusiasmo, che per ora troneggia su squadre molto più quotate come Psg e Monaco. Dovesse continuare così anche il c.t. Ventura dovrà cominciare a prenderlo in considerazione.In Francia c’è già chi parla del Nizza come il Leicester di Francia, forse è prematuro, ma i rossoneri sognano e se Balotelli continua ad essere SuperMario, tutto, ma proprio tutto è possibile.

  •   
  •  
  •  
  •