Giampiero Ventura: “Gli errori visti con la Macedonia non si devono ripetere. Ci sono i presupposti per fare bene”. La situazione del Girone G

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

4ebade2f35748811d00707832c622e61-k7jH-U10901082564061hgG-1024x576@LaStampa.it                                          Ciro Immobile. Prima doppietta per l’attaccante laziale in maglia azzurra

Vittoria in rimonta per l’Italia di Giampiero Ventura. Ieri sera, contro la Macedonia, gli azzurri, sono riusciti a portarsi a casa la vittoria, dopo aver subito due goal in pochi minuti nella ripresa. A rimettere in carreggiata la Nazionale ci ha pensato Immobile con una doppietta, dopo che l’Italia era passata in vantaggio con il primo goal in azzurro di Belotti. Tre punti sofferti ma importanti per gli uomini di Ventura perchè, pur assieme alla Spagna, rimangono in testa nel Girone G a sette punti. A seguire Albania e Israele a sei; chiudono Macedonia e Liechtenstein a zero punti.

VENTURA GUARDA IN MODO POSITIVO AL FUTURO
Nel postpartita il ct Ventura ha sottolineato come certi errori di disattenzione non devono ripetersi: “Abbiamo commesso errori di inesperienza e superficialità, ma sono passaggi che devi accettare quando punti su un gruppo di giovani. Poi c’è stata una grande risposta di carattere dopo 10′ in cui non eravamo squadra. Li abbiamo schiacciati nel finale, cambiando anche modulo. Immobile? Ha fatto il suo dovere alla grande, come tutti gli altri. Tranne in quel pericoloso passaggio a vuoto“. verratti-italia-away-settembre-2016
Tuttavia l’ex allenatore granata si è dimostrato fiducioso per il futuro: “Ci sono tutti i presupposti per fare bene, e mi prendo le responsabilità di questa affermazione: basta avere pazienza. Finora tutti i gol che abbiamo subito sono “non-gol”: dalla Francia a stasera, sempre nostri regali. Se mi sento tradito? No, Verratti non l’ha fatto apposta a dare quel pallone indietro su cui è nato il pari della Macedonia. E anche Barzagli e Bonucci, giocatori di esperienza, hanno le loro responsabilità. È che in quel momento abbiamo avuto un quarto d’ora di black out. Difficilmente errori del genere si possono ripetere all’infinito, si può solo migliorare. Da ora dovremo cominciare ad essere noi stessi. Ma con questo gruppo di ragazzi, poco alla volta, c’è la possibilità di fare bene“.

COMINCIANO A DELINEARSI LE GERARCHIE NEL GIRONE G
Com’era prevedibile, dopo i primi tre match di qualificazione, si cominciano a delineare le squadre che si giocheranno l’accesso diretto ai Mondiali 2018. Probabilmente sarà un testa a testa al fotofinish fra Italia e Spagna. Attenzione, però, ad Albania ed Israele che seguono ad un solo punto di distanza. La seconda piazza, valevole per gli spareggi, infatti, può essere alla portata della squadra di De Biasi. bonaventura_israele_thumb400x275
Da non sottovalutare neppure la rappresentativa israeliana, in cui spiccano alcuni buoni elementi, fra cui Eran Zahavi, vecchia conoscenza del calcio nostrano visto la sua militanza nel Palermo. Attenzione, infine, alla differenza reti che potrebbe fare la differenza. Al momento la Spagna può vantare un netto +10, avendo segnato ben otto reti subendone solamente una. Solo un +3 per gli azzurri, visto le sette reti realizzate e le quattro incassate. A pesare, però, è sicuramente il match finito in goleada per gli spagnoli con il Liechtenstein, finito con un tondissimo 8-0.
Da sfruttare al meglio, quindi, lo scontro con il Principato alpino, peraltro prossimo avversario degli uomini di Ventura.

LA GOLEADA DELLA SPAGNA CON IL LIECHTENSTEIN

  •   
  •  
  •  
  •