Rizzoli, no ai Mondiali di Russia 2018. E’ giusto discutere il miglior arbitro italiano?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
rizzoli

Rizzoli, no ai Mondiali di Russia 2018

Nicola Rizzoli rinuncia ai Mondiali di Russia 2018, decisione comunicata da Marcello Nicchi, presidente dell’Aia.” Giusto lasciare spazio ad altri“, questo il commento che filtra del fischietto bolognese, arbitro della finale dei Mondiali 2014 tra Argentina e Germania. Una decisione su cui si meditava da tempo, niente a che vedere con le polemiche riguardanti l’ultimo Juventus-Inter. Il derby d’Italia, come spesso accade, ha lasciato in eredità un vespaio di polemiche che continuerà ancora per giorni. Il match dello Juventus Stadium ha lasciato e squalifiche di Icardi e Perisic, entrambi per due giornate, con l’Inter che ha già preannunciato ricorso. Non è la prima volta che Rizzoli finisce nel mirino delle polemiche, l’arbitro bolognese è accusato di essere troppo permissivo con i giocatori delle grandi squadre. Famosa la sequenza in cui Francesco Totti, in un Udinese-Roma, lo manda ripetutamente a quel paese, senza essere espulso.

Leggi anche:  Dove vedere Brasile Venezuela Copa America: diretta tv e streaming

In Juventus-Inter molti episodi discussi sono al limite, nessuno scandalo sia chiaro, ma in casa i bianconeri sembrano godere comunque di una certa protezione arbitrale. I giocatori nerazzurri, Icardi in primis, hanno esagerato, l’argentino in quanto capitano deve mantenere una certa calma, nonostante tutto. Anche perché l’Inter, oltre a perdere la partita, ha perso il proprio bomber e Perisic per i match contro Empoli e Bologna, salvo ricorsi. I match tra bianconeri e nerazzurri, storicamente, sono i più difficili da arbitrare, la storia è piena di episodi controversi. Proprio per questo allo Stadium era stato mandato Rizzoli, fino a prova contraria il miglior arbitro italiano in circolazione. Nessuno scandalo sia chiaro, è il caso di ribadirlo, ma con l‘inizio del girone di ritorno gli arbitri finiscono sotto la lente d’ingrandimento, perché i punti cominciano a pesare davvero. In Italia si dovrebbe accettare più serenamente il verdetto del campo, non accadrà mai, ma la speranza è l’ultima a morire.

Leggi anche:  Dove vedere Argentina Cile Copa America: diretta tv e streaming

Rizzoli, l’insostenibile pesantezza di essere il migliore

Era successo già con Pierluigi Collina, quando si viene ritenuto il migliore il pubblico si aspetta il meglio, anche dagli arbitri. Anche il pelato fischietto viareggino sbagliava, nessuno è infallibile, ma i suoi errori si accettavano con meno rabbia, perché Collina aveva un grande carisma. Questo l’unico difetto di Rizzoli, l’arbitro bolognese ha sempre preferito il dialogo con i giocatori, avendo un rapporto quasi amichevole. Ogni tanto i grandi giocatori eccedono, ma lui raramente sceglie la via della forza cioè i cartellini. Perisic evidentemente ha davvero esagerato domenica, così come Icardi, che come capitano non doveva lasciarsi andare a quello scatto d’ira scagliano il pallone verso il direttore di gara. Rizzoli è il più bravo in Italia, questo è fuor di dubbio, visto che viene chiamato a dirigere delicato match di Champions League e di nazionali. Criticare così aspramente un arbitro, anche se non ha commesso errori evidenti, è un malcostume solo italiano, coraggio Nicola anche i tifosi del Santiago Bernabeu fischiano Cristiano Ronaldo.

  •   
  •  
  •  
  •