Argentina-Perù, si torna alla Bombonera dopo 20 anni. Sampaoli rischia senza Dybala e Icardi

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Argentina-Perù

Argentina-Perù, alta tensione alla Bombonera

Argentina-Perù, alta tensione alla Bombonera. Una partita che vale due anni di lavoro, questa la sintesi del confronto che si giocherà giovedì notte(ore 1:30 italiana) alla Bombonera di Buenos Aires. Argentina e Perù sono appaiate al quarto posto del girone sudamericano a quota 24 punti. A oggi sarebbero i peruviani a passare in virtù della migliore differenza reti. Partita cruciale per Messi e compagni, che devono assolutamente vincere. La Federazione argentina non sta lasciando nulla al caso. La Bombonera sarà un vero e proprio inferno per il Perù. 6mila biglietti, quelli dei settori per bambini e famiglie sono stati riservati agli ultras del Boca Juniors. La Doce, la curva più calda della Bombonera, dovrà cantare e sostenere i giocatori per 90 minuti.

Dura, durissima la presa di posizione della federazione peruviana che ha emesso un comunicato che la dice lunga sull’atmosfera prepartita:”Se la federazione argentina ha deciso che la sfida decisiva si giochi allo Bombonera, c’è un motivo ben preciso. In quello stadio non si esce vincitori se non facendo attenzione a tutto. Negli spogliatoi offrono alle squadre avversarie acqua contaminata, con delle sostanze che danno sonnolenza”. Tutto ciò non è una novità per il calcio sudamericano, avvezzo a questo tipo di intimidazioni. L‘Argentina ha un solo risultato a disposizione, la vittoria. Anche perché l’Albiceleste nell’ultima giornata dovrà affrontare l’Ecuador. Giocare alle alture di Quito e dintorni non è mai semplice. Messi e compagni potranno contare su una Bombonera caldissima, basterà per battere il Perù?

Leggi anche:  Argentina, il Boca Juniors si aggiudica la Coppa Maradona

Argentina-Perù, Sampaoli si affida a Messi. Out Icardi e Dybala

Per la decisiva sfida con il Perù il c.t. argentino Jorge Sampaoli si affida a Messi. Panchina certa per Dybala ritenuto da Sampaoli incompatibile con la Pulce del Barcellona. “Su Paulo abbiamo lavorato molto bene, sappiamo che in futuro potrà dare molto alla squadra. Sappiamo anche che al momento pesta i piedi a Messi, quindi visto che non abbiamo tempo per lavorarci ci affideremo a lui in futuro”. In avanti dunque Sampaoli si dovrebbe affidare a Dario Benedetto, attaccante del Boca Juniors. In patria Benedetto è apprezzato dai tifosi argentini, che lo preferirebbero a Icardi. Misteri del calcio.

Poche chance di partire titolare anche per il capitano dell’Inter, così come per il Papu Gomez. Contro il Perù l’Argentina dovrebbe giocare con 3-4-2-1, con Messi e Di Maria alle spalle di Benedetto. Nell’undici titolare di Sampaoli dovrebbero esserci altri due “italiani”: Federico Fazio in difesa e Lucas Biglia a centrocampo. Il c.t. dell’Albiceleste vuole andare sul sicuro in una partita che è come una finale. L’Argentina conta molto sul fattore Bombonera, ma il Perù non è avversario da sottovalutare. All’andata, un anno fa, in Perù finì 2-2. Un pareggio che nel match di domani notte potrebbe non servire a nessuno. In contemporanea ad Argentina-Perù si giocano anche Cile-Ecuador e Colombia-Paraguay. Sette squadre per quattro posti, il girone sudamericano per Russia 2018 promette emozioni fino all’ultimo secondo dell’ultima partita.

Leggi anche:  Argentina, il Boca Juniors si aggiudica la Coppa Maradona

Classifica girone sudamericano a due giornate dal termine: Brasile 37*, Uruguay 27, Colombia 26, Perù 24, Argentina 24, Cile 23, Paraguay 21, Ecuador 20, Bolivia 13 , Venezuela 8. * Già qualificato, vanno ai Mondiali le prime quattro, la quinta va allo spareggio con la Nuova Zelanda.

  •   
  •  
  •  
  •