Italia-Svezia, ecco quanto potrebbe costare l’eliminazione degli azzurri

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Questa sera l’Italia calcistica giocherà la partita più importante dell’ultimo decennio, seconda solo alla finale vinta contro la Francia nel mondiale tedesco del 2006; Gli azzurri affronteranno la Svezia nello spareggio di ritorno per accedere alla prossima rassegna mondiale in programma in Russia tra sette mesi esatti. A S.Siro, la nazionale di Gianpiero Ventura deve ribaltare l’inattesa sconfitta di tre giorni fa a Stoccolma, per 1-0, condita da una bruttissima prestazione di squadra. L’incubo di vedere una Coppa del Mondo senza la seconda nazionale più titolata del calcio mondiale dietro al Brasile è un rischio concreto e sarebbe un danno sportivo e di immagine pesantissimo per tutto il movimento calcistico nostrano.

Quanto costerebbe all’Italia non andare ai Mondiali di Russia 2018 ?

La FIFA stanzierà per questa edizione della Coppa del Mondo ben 791 milioni di Dollari, il 40% rispetto al precedente mondiale brasiliano. Lo spettro di una non qualificazione che non si verifica da sessant’anni peserebbe tantissimo sul bilancio annuale federale. Nelle due edizioni precedenti, anche se avare di soddisfazioni per la nostra nazionale, la FIGC aveva ricavato 10 milioni di euro da dividere tra operazioni permutative, Royalties derivanti dal suo sponsor tecnico e corrispettivi da parte della FIFA. Per le sedici nazionali che non supereranno la fase a gironi è previsto un premio minimo di 10 milioni di dollari a testa e un milione e mezzo di costi di preparazione all’evento. In caso di non partecipazione ci sarebbe anche un danno elevato, dal punto di vista commerciale, che renderebbe pesante il bilancio federale. Al momento la federazione italiana incassa 45 milioni di euro.

Leggi anche:  Micol Di Segni: ‘Il combattimento è il mezzo per affrontare e sconfiggere le mie paure’

Lo sponsor tecnico azzurro (Puma) paga più di 18 milioni di euro annui fino al 2022 per la realizzazione delle divise di gioco della nazionale, cui vanno aggiunti ben tredici sponsor. Un nuovo flop contro gli svedesi peserebbe anche su questo. Anche la tv di stato, la Rai non verserebbe più nelle casse federali i 25 milioni di euro annui derivanti dalla trasmissione delle partite della nazionale. Il prezzo scenderebbe notevolmente e anche l’interesse verso gli azzurri calerebbe parecchio. Se si sommassero tutti questi dati, il risultato che verrebbe fuori sarebbe anche difficile da quantificare. Tuttavia, cifre a parte, per un paese calcisticamente innamorato come il nostro, non andare ai Mondiali sarebbe ricordato come una delle pagine più nere nella storia dell’intero movimento sportivo italiano.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,