Svezia Italia, Buffon per la leggenda: sarebbe il primo giocatore a disputare sei Mondiali

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Juventus Buffon France Football Pallone d'Oro Champions League Balon d'Or

Svezia Italia Buffon insegue la leggenda

Il prossimo spareggio Mondiale Svezia Italia potrebbe consegnare agli annali del calcio un altro record per Gigi Buffon: il portiere della Juventus e della Nazionale italiana,infatti, potrebbe diventare il primo calciatore a disputare sei Mondiali consecutivi. Un record che si aggiungerebbe alla lunga lista di riconoscimenti conquistati da Buffon nella sua straordinaria carriera.
Svezia Italia Buffon insegue la leggenda. A vent’anni dal suo esordio con la maglia della Nazionale, avvenuto contro la Russia il 20 ottobre del 1997 nello spareggio per accedere al Mondiale del 1998,  il portiere dell’Italia vuole mettere un altro scalpo nella sua straordinaria carriera: essere il primo giocatore a disputare sei Mondiali di fila. Per raggiungere questo traguardo Buffon dovrà aiutare la Nazionale italiana a superare l’ostacolo Svezia, avversaria della formazione di Ventura nel doppio confronto che si aprirà venerdì, con la gara d’andata che si disputerà a Stoccolma, e si chiuderà lunedì con il match di ritorno in programma a Milano.

Svezia Italia Buffon, le sue parole a Rai Sport

“Il ricorso è molto simpatico, ma ne avrei fatto volentieri a meno . Se passiamo, per me sarà leggenda. È sempre un rischio, l’importante è che il risultato finale sia lo stesso di vent’anni fa.Un po’ mi manca quella spensieratezza, quella spavalderia tipica di chi è giovane e deve ancora prendere bacchettate sulle dita. Più vinci, più sbagli, più impari; poi maturi e impari a contare fino a dieci. Adesso sono più riflessivo, mi auguro che sia diventato anche un portiere migliore. “Della Svezia fa paura la loro metodicità. Fanno sempre le stesse cose, ma le fanno bene. Con queste squadre se giochi da sei perdi, se giochi da 6,5 pareggi, da 7 in su invece vinci. Perciò occorre fare una bella partita anche individualmente. Non dobbiamo sentire la pressione esterna.  Sappiamo già che andiamo incontro a due partite importanti per il nostro calcio e per l’Italia intera”-

  •   
  •  
  •  
  •