Zaza, che rivincita: dai fischi al ritorno in Svezia-Italia

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
zaza

Zaza, titolare contro la Svezia?

Zaza, la rivincita dell’ex bad boy. Un anno fa di questi tempi Simone Zaza da Policoro viveva forse il punto più basso della sua vita calcistica. Il rigore calciato malamente contro la Germania gli aveva in pratica fatto perdere l’azzurro. i tifosi del West Ham non volevano vederlo neanche in fotografia. Non giocava, non segnava, Zaza sembrava essersi perso quasi definitivamente. Invece poi a gennaio è arrivata la chiamata del Valencia. A volerlo in Spagna era stato Cesare Prandelli, chiamato a salvare la squadra spagnola. Dopo che settimane dal suo arrivo però l’ex c.t. azzurro viene esonerato e Zaza comincia a pensare di aver sbagliato nuovamente strada. Invece l’ex Sassuolo e Juventus comincia a guadagnarsi la fiducia del nuovo tecnico Voro. Arriva uno splendido gol al Real Madrid e il riscatto da parte degli spagnoli. Questa stagione non parte benissimo dal punto di vista personale. Il Valencia vince ma Zaza non segna. La stampa spagnoli e i tifosi cominciano a criticare l’attaccante italiano. Poi però Zaza si sblocca, segna per sei partite consecutive e viene eletto miglior giocatore della Liga del mese di settembre. Un riconoscimento non da poco visto che il buon Simone gioca nello stesso campionato di Messi e Cristiano Ronaldo.

Giustamente non poteva che arrivare una chiamata da Giampiero Ventura. Il c.t. che lo aveva messo da parte da diversi mesi. Non solo, Zaza potrebbe giocare addirittura titolare contro la Svezia, al fianco di Ciro Immobile. Questa era la coppia che aveva cominciato il ciclo di Ventura. Ora il c.t. sembra voler tornare al 3-5-2 di contiana memoria. Quindi fuori il talento di Insigne e dentro la forza di Zaza. Anche se non dovesse giocare titolare all’attaccante lucano va già bene così.

Zaza-Immobile, ok la coppia è giusta per la Svezia?

Per Svezia-Italia di venerdì sera a Stoccolma il c.t. azzurro Giampiero Ventura sembra avere le idee molto chiare. Si va sul sicuro e e questo vuol dire una sola cosa: 3-5-2. Il modulo tanto caro ad Antonio Conte, che Ventura aveva abbandonato da un anno a questa parte. Dietro non ci sono dubbi, Barzagli-Bonucci-Chiellini giocheranno davanti a Gigi Buffon. Sulle fasce Candreva e Spinazzola sembrano essere favoriti su Florenzi e Darmian. A centrocampo il perno sarà Daniele De Rossi, con Parolo e Verratti ai suoi lati. Una scelta logica, con le due mezzali che giocheranno nel loro ruolo naturale.

In avanti è certo di una maglia da titolare Ciro Immobile. L’attaccante della Lazio è in un grande momento di forma ed è perfetto per sfruttare i possibili spazi che lasceranno gli svedesi. Al suo fianco il favorito sembra  Zaza, con Eder possibile sorpresa. L’interista potrebbe scendere in campo anche per una questione scaramantica. Fu un suo gol infatti a decidere Italia-Svezia degli scorsi Europei di Francia. Il match fu vinto dagli azzurri per 1-0, con gol proprio dell’italo-brasiliano. Panchina per Belotti e Insigne. I due hanno pochissime possibilità di giocare a Stoccolma. Magari potranno tornare utili nel ritorno di San Siro, che si giocherà lunedì prossimo. Al di là di chi giocherà sarà importante lo spirito per gli azzurri. Il Mondiale di Russia del prossimo anno è un appuntamento da non fallire, a qualsiasi costo.

  •   
  •  
  •  
  •