Arsenal Manchester United: che sfida tra Walcott e Martial!

Pubblicato il autore: Marco Ronci Segui

walcott arsenal

Arsenal Manchester United: che sfida tra Walcott e Martial! – 50 milioni di euro. Questa è la cifra che i Red Devils hanno dovuto spendere per quello che è forse il talento più promettente del calcio francese: Anthony Martial. 19 anni, doti tecniche impressionanti e tanta, tanta voglia di mettersi in mostra. Lo United lo ha portato a casa negli ultimi giorni di mercato offrendo al Monaco una cifra difficilmente rinunciabile. “Il marziano” così i tifosi dei Devils chiamano il talentino francese, giocando sulla parola marziano in inglese “martian”: 5 presenze, 4 gol e 3 assist. Martial rappresenta proprio quell’attaccante tanto cercato e voluto anche dall’Arsenal, rimasto però a bocca asciutta in questa sessione di mercato per quanto riguarda i numeri 9.
E dire che gli avvertimenti all’Arsenal da parte di uno che di gol ne ha fatti tanti soprattutto con la maglia dell’Arsenal, Thierry Henry, erano stati più che precisi. Lo scorso aprile, l’attaccante francese analizzò i problemi dell’Arsenal: «Temo che l’Arsenal abbia bisogno di un attaccante di alta qualità per vincere di nuovo questo campionato, cosa che ora non ha“, ha detto.

Leggi anche:  Premier League, dove vedere Chelsea Tottenham streaming e diretta tv

Era abbastanza chiaro il riferimento di Henry a il connazionale Giroud, reo di non essere quel top player che servirebbe all’Arsenal. Chi invece ha vissuto quei momenti (e sta vivendo) in sordina è Theo Walcott. Il talento inglese, lanciato proprio da Wenger nel 2006, non ha mai trovato tantissimo spazio ma cosa più preoccupante un ruolo fisso nei Gunners. Ala, punta centrale o esterno di centrocampo, tutto unito a tanti problemi fisici che non hanno aiutato il giocatore inglese ad esplodere.
mana è stato pieno del tipo di movimento per allungare le difese, piste taglienti e forte interazione con compagni di squadra che delineano bene il suo caso. Ultimamente sta trovando sempre più spazio negli schemi di Wenger, complice anche un Giroud non proprio in formissima. Sia contro il Leicester che con l’Olimpiakos sono state ottime le sue prestazioni. Con Sanchez c’è sintonia: velocità, visione rapida di gioco e dribbling.

Leggi anche:  Inter, Eriksen addio a gennaio: sul danese arriva l'Arsenal

Forse quell’attaccante tanto cercato e mai trovato lo hanno avuto sempre a casa? A gennaio saranno 10 gli anni di Walcott all’Arsenal. Belle sono state le parole di Wenger nei suoi confronti: “Quando è arrivato qui era un ragazzo, un bambino che ha scoperto un mondo in cui non sapeva nulla. È diventato molto maturo, ha attraversato periodi difficili per lui è un uomo molto forte oggi. Lui può diventare un goleador prolifico. ”

 

  •   
  •  
  •  
  •