Mourinho tuona contro la Premier

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi

josè mourinhoSi tratta di una Premier League anomala, per Josè Mourinho, che vede in testa al campionato più ambito d’Europa il Leicester City, squadra di basso rango che si trova a guidare la classifica seguito a 2 punti di distanza dall’Arsenal, a 3 dai due squadroni di Manchester e a 6 dal Tottenham di Baldini che vola con un ritrovato Lamela. Liverpool ottavo, e Chelsea addirittura quattordicesimo con solo 15 punti e quindi a ben 17 lunghezze dalla vetta.

Chelsea fuori controllo per Mourinho

Lo Special One ammette che quello che sta succedendo al Chelsea non è normale, in virtù della caratura della squadra e del notevole impianto economico che le gira attorno. Buone parole, anzi ottime, per l’allenatore italiano Claudio Ranieri (suo prossimo avversario) che guida la Premier con il sorprendente Leicester (squadra in cui militò anche l’attuale tecnico dell’Inter Roberto Mancini), che meriterebbe, secondo il tecnico portoghese, il premio come miglior allenatore di metà stagione.

Naturalmente Mourinho non si arrende, e vuole portare il Chelsea almeno alla conquista degli obiettivi minimi, ovvero accaparrarsi un posto in Europa, non in Europa League, ma in Champions, nell’Europa che conta, cosa di cui era certissimo almeno fino alla sconfitta con il Bournemouth, arrivata come un vero e proprio fulmine a ciel sereno, ma non in positivo ma in negativo, molto negativo.

Mourinho ancora idolo

mourinhoNon può gettare infatti la spugna colui che ha realizzato il triplete con l’Inter, portandola sulla vetta più alta d’Europa nonostante non avesse né Ibrahimovic, né Messi, né Cristiano Ronaldo, ma lui, lo Special One, che sa fare a meno di qualsiasi campione e che sa sorprendere anche con una squadra modesta come il Porto, portato storicamente sul tetto d’Europa. L’impresa impossibile per Mou quindi non esiste, anche se forse un po di rassegnazione inizia ad affacciarsi.

Nella capitale inglese lo Special One è inoltre ancora un idolo sulla sponda dello Stamford Bridge, tanto che per Abramovic non è facile tirarlo fuori dai giochi, poiché sa che deve vedersela con un popolo intero, quello del Chelsea, che non può che amare il suo idolo, un allenatore che ha portato dopo anni e anni la squadra londinese ai vertici del calcio britannico e alla vittoria di titoli importanti.

Che dire della matta Premier? Beh senza dubbio che la sfida di cartello vedrà proprio di fronte il Chelsea di Mourinho contro la rivelazione dell’anno, il Leichester di Ranieri che potrebbe levarsi diversi sassolini dalla scarpa se dovesse dare il colpo di grazia a Mourinho. Tra i due non è mai corso buon sangue, in quanto fin dai tempi dell’avvicendamento al Chelsea i due si sono sempre punzecchiati a distanza, fino a raggiungere l’apice quando il buon Claudio raggiunse l’Inter, che dopo l’uscita di scena di Josè non ha che collezionato disfatte su disfatte. Giunto all’Inter Ranieri riporta una serie strepitosa di vittorie, che certo non hanno fatto sorridere lo Special One, anche se ora non può che ammettere il gran lavoro del tecnico italiano, che finalmente ha dal portoghese il rispetto che merita. Attendiamo quindi tutti la sfida tra i due, sicuramente ci sarà un grande spettacolo.

  •   
  •  
  •  
  •