Premier League: 28esima giornata

Pubblicato il autore: andrea nervuti Segui

Premier-League-Logo-shieldCirca 24 ore fa, tutti pensavano che il pareggio interno del Leicester (2-2 contro il solidissimo WBA di Tony Pulis) fosse il trappolone finale in grado di fermare la corsa verso il titolo delle Foxes ma, al termine di questo turno infrasettimanale, la situazione si è ribaltata.

Andiamo con ordine e partiamo dal Tottenham, la squadra più vicina in classifica alle volpi.

Gli Spurs perdono meritatamente l’ultimo derby della storia giocato nel vecchio Boleyn Ground sotto un nubifragio epocale. A decidere il match è bastata la violenta zuccata di Antonio, al settimo del primo tempo. West Ham che adesso vola alle spalle delle due di Manchester e può perfino cominciare a sognare la qualificazione ai preliminari di Champions League.

Passiamo all’Arsenal, vera delusione di questa 28esima giornata. I Gunners vanno in vantaggio grazie alla prodezza volante di Campbell su assist di Sanchez, ma si fanno prima riagganciare dall’incursione centrale di Routledge e poi addirittura superare dal tap-in di Williams. A Londra fa festa solo lo Swansea di Guidolin(assente giustificato a causa di un malanno) mentre Wenger si può  auto flagellare per l’ennesima occasione persa. Attacco impreciso e difesa distratta: manche sempre un pence per fare il pound.

Al quarto posto c’è -ancora per poco- il City di Pellegrini. Il destino gli rimette di fronte il Liverpool a soli tre giorni di distanza dal successo in Coppa di Lega, ma stavolta il risultato è completamente diverso. Ad Anfield, i Reds, dominano ogni zolla del campo dal primo all’ultimo secondo e si divorano letteralmente i blu.  Lallana è ispiratissimo e dopo aver portato avanti la banda di Klopp con un gran mancino rasoterra, condisce la partita con assist e finezze. Di Milner il raddoppio. Di Firmino il timbro finale. Tre scoppole e tanti saluti alla corsa verso il titolo.

Chi torna a sperare invece, è l’altra parte di Manchester. Lo United, infarcito di giovani, fatica parecchio contro le organizzatissime legioni di Sanchez  Flores ma alla fine porta a casa tre punti fondamentali per il piazzamento europeo. La punizione  decisiva di Mata è precisa ma tutt’altro che imparabile. Il portiere brasiliano Aurelio Gomes ci mette del suo e tanto basta per regalare all’Old Trafford una serata di gloria.  Agganciato il quarto posto in compagnia dei cugini azzurri e con gli Hammers londinesi ad un solo punto, ci sarà da divertersi.

Chiude la 28esima giornata lo strabiliante Stoke City di  Mark Hughes. In mezzo alla classica tempesta invernale del Britannia Stadium basta un gol dell’ex interista Shaqiri per domare il piccolo Newcastle formato trasferta.

Campionato importante per i Potters biancorossi, che dopo il complicato inizio di stagione hanno trovato la forza per reagire e adesso occupano meritatamente il settimo posto.

Alla fine di questo turno infrasettimanale le volpi guadagno addirittura un punto su tutte le dirette inseguitrici ed il sogno continua.

Sabato ci sarà il “ North London Derby” tra Arsenal e Tottenham. Le truppe di Van Gaal andranno al The Hawthorns mentre il City ospiterà l’ormai defunta Aston Villa. Il Leicester sarà di scena sul difficile campo del Vicarage Road, non sarà di certo una passeggiata ma se dovesse tornare dall’Hertfordshire con tre punti…

Top Class

Leicester   57

Tottenham   54

Arsenal   51

Manchester City   47

Manchester United   47

West Ham   46

Stoke City   42

Liverpool   41

Andrea Nervuti

  •   
  •  
  •  
  •