Trentesima giornata di Premier League e quarti di finale di F.A. Cup

Pubblicato il autore: andrea nervuti Segui

premier
Un weekend quasi primaverile suddiviso inevitabilmente fra campionato e coppa d’Inghilterra.
Andiamo con ordine, e partiamo dai quarti di finale di F.A. Cup.

Ci mette più del previsto il Crystal Palace di Pardew per sbarazzarsi del ruvido Reading disposto ottimamente in campo da Brian McDermott (ultima squadra di Championship rimasta ancora in corsa). Al Madejsky Stadium la sblocca un penalty di Cabaye a tre minuti dal termine e la chiude l’incursione centrale di Campbell all’ultimo secondo di recupero. Nonostante l’orgogliosa trincea dei Royals, sono le Eagles a volare a Wembley per le semifinali.
Semifinali dove potrebbe incontrar il sorprendente Watford guidato dal preparatissimo Sanchez Flores. Gli Hornets dell’ Hertfordshire riescono a superare l’Arsenal resistendo per oltre 45 minuti al predominio territoriale londinese e capitalizzando al massimo le poche occasioni disponibili.
Alla zampata di Ighalo intorno al 50’, fa seguito la spaventosa bordata in corsa dell’algerino Guediura al 63’. Tanto bello quanto inutile il gol della bandiera siglato da Welbeck nel finale. Avanti i calabroni dunque, mentre Wenger sarà costretto ad abdicare dopo un biennio di monarchia assoluta.
Chi ha sicuramente tutte le carte in regola per alzare il trofeo nella finalissima del 21 Maggio è senza dubbio lo splendido Everton di Martinez. I Toffees sfruttano al massimo il fattore campo e nella bolgia del Goodison Park distruggono il Chelsea grazie alla strepitosa doppietta di Lukaku.
L’ariete fiammingo manda in estasi la parte blu di Liverpool, insaccando due volte nel giro di cinque minuti. Straordinaria prova di forza e potenza nel primo centro. Velocità d’esecuzione e senso del gol nel secondo.
Il viaggio in treno dal Merseyside alla City se lo faranno da favoriti.
Incerta invece l’ultima semifinalista. All’Old Trafford finisce 1 a 1 fra Manchester United e West Ham.
Al vantaggio di Payet (classico gioiello su calcio piazzato del francese) risponde l’unghiata dell’altro transalpino Martial.
Restano con l’amaro in bocca gli oltre 9mila supporters Claret&Blue giunti fino a Manchester, ma il replay darà la possibilità al Boleyn Ground di godersi un’ ultima -affascinante- grande notte di F.A. Cup prima della definitiva demolizione.
Ecco le squadre qualificate alle semifinali: Crystal Palace, Watford, Everton e una tra West Ham/ Manchester United.

Passando alla (poca) Premier League disputata in questo fine settimana, salta subito all’occhio lo scialbo zero a zero fra Norwich e City. Pellegrini sta letteralmente buttando via la possibilità di giocarsi il titolo fino in fondo e la vittoria in coppa di Lega non può certo bastare per salvare la stagione.
Dall’altra parte però, i Canaries si godono un gran punto e quantomeno alimentano le speranze di salvezza.
Pieno zeppo di speranze è senza dubbio il Tottenham di Pochettino. Troppo debole e tragicamente avvilente l’Aston Villa del malcapitato Garde per opporsi degnamente agli Spurs londinesi.
Harry Kane ne fa due a cavallo dell’intervallo, consegnando ai suoi i galloni d’inseguitrice d’onore delle volpi.
Già, perché le Foxes del nostro Sir Claudio non sembrano proprio volersi fermare e dopo aver battuto anche il Newcastle del neo manager Benitez grazie ad una rovesciata del giapponese Okazaki, si riportano a + 5 dal secondo posto.
Che altro aggiungere?! Il sogno adesso dista solo 8 partite …
Fra gli altri spunti di questa inedita trentesima giornata spicca la sontuosa doppietta di Graziano Pellè, nella vittoria per 2 a 1 del Southampton ai danni dello Stoke. Saints in ripresa e che silenziosamente si portano a pochi passi dall’Europa.
Tanti gol,infine, nella sfida salvezza tra Bournemouth e Swansea. Al novantesimo sono le Cherries del Dorset a festeggiare i tre punti grazie ad un rocambolesco 3 a 2. Le ciliegie sono ormai lontane dalla zona calda(+13) e non c’è altro da fare se non togliersi il cappello davanti alla preparazione del giovane manager Eddie Howe.
Una Premier cosi affascinante non la ricordo da tempo: lo spettacolo è assicurato!

Alla prossima settimana.
Andrea Nervuti

  •   
  •  
  •  
  •