Chelsea, Antonio Conte: “Si apre un nuovo capitolo della mia carriera”

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui
Fonte: Screenshot Chelsea TV

Fonte: Screenshot Chelsea TV

Alle 15.15 ora italiana inizia ufficialmente la nuova avventura di Antonio Conte sulla panchina del Chelsea: Sono felice di essere qui. Ho lavorato tanto per raggiungere questo obiettivo, è un nuovo capitolo della mia carriera“, esordisce l’ex commissario tecnico della Nazionale. Il primo obiettivo del tecnico salentino è quello di risollevare i Blues dopo la stagione negativa appena trascorsa, ma senza alcuna pressione addosso: “E’ un vocabolo che non mi crea problemi: tutti sappiamo che bisogna riscattare una stagione non proprio positiva dal punto di vista dei risultati. Tutto questo è possibile lavorando sodo ogni giorno: solo in questo modo possiamo pensare di tornare in alto. L’importante per me conquistare un posto in Champions perchè fa parte del dna di questa squadra”.

Uno dei punti di riferimento dell’idea contiana è sicuramente la difesa a tre, anche se ogni squadra ha caratteristiche diverse: “Quando arrivo in un nuovo club non parto utilizzando un modulo fisso, ma cerco di capire quale siano le posizioni giuste per ogni giocatore: sono un sarto che deve confezionare il miglior vestito possibile per questa squadra. Aspetto ancora delle risposte dagli allenamenti dei prossimi giorni, ma mi sono già fatto un’idea. Affrontare la Premier? Mi piace questa sfida. Voglio vedere come me la caverò. Quale messaggio voglio trasmettere ai miei giocatori? Che il duro lavoro alla fine è quello che ti permette di vincere le partite, tornare in Champions e finire davanti a tutti. Ho già avvisato tutti i miei calciatori: il mio motto è ‘work, work, work’ (lavoro, lavoro, lavoro, ndr)”.

Uno dei nuovi acquisti dell’era Antonio Conte è Batsuayi, talento belga inseguito anche dalla Juventus: “Ha molto talento ed è anche molto giovane. Forte fisicamente, ha anche ottima tecnica e sa calciare con entrambi i piedi: sono contento di averlo in rosa”.

La Premier League è un campionato con manager di alto livello, come Pep Guardiola, Jurgen Klopp e Josè Mourinho: “E’ normale che quando un campionato ha a disposizione tanti giocatori talentuosi allora ci siano anche allenatori di questo livello: è fondamentale per far salire il livello del torneo, e il tecnico serve proprio a migliorare il livello delle nuove leve. Per me è un onore potermi misurare con tutti questi manager”.

Ma perchè proprio la scelta del Chelsea? “Perchè qui porto la mia filosofia, e sono sicuro che il club mi abbia scelto per questo motivo. Spero di poter fare qualcosa d’importante in un campionato difficile come questo, dove ci sono cinque o sei squadre che possono competere per la vittoria finale. Special Worker? Gli appellativi li lascio ai giornalisti inglesi”.

Antonio Conte: “Orgoglioso di rappresentare l’Italia in Inghilterra”

Con ben quattro manager dal Bel Paese (Ranieri, Guidolin, Mazzarri e lo stesso Antonio Conte), la Premier può essere considerata come una “colonia” di allenatori italiani? “Credo che tutti i tecnici che allenano qui si sentano in qualche modo rappresentanti dell’Italia in un Paese come la Gran Bretagna dove c’è un’atmosfera unica. Noi italiani ci sentiamo responsabili di portare i nostri usi e le nostre tradizioni. Se ho parlato con Ranieri? Non ancora, ma lo farò presto. Claudio è una persona fantastica e sicuramente gli chiederò qualche consiglio visto che dovrò affrontare un torneo difficilissimo, sotto ogni punto di vista”.

Per Conte, l’esperienza italiana è servita molto: “Di quanto fatto nel mio Paese, tra Club e Nazionale, mi porto dietro tutto il bagaglio tecnico di calciatore ed allenatore, e questo mi rende orgoglioso. Ora voglio continuare a rendere orgogliosi i miei connazionali con il mio lavoro qui al Chelsea. Antonio Conte come Mourinho? I paragoni sono sempre difficili: io penso che ci siano dei manager vincenti, al di là del proprio stile di gioco o mentalità. E questa non è una cosa che hanno tutti, ma chi ce l’ha è speciale”, conclude l’ex allenatore della Juventus.

Leggi anche:  Inter-Bologna, probabili formazioni: Lukaku e Sanchez dal 1' insieme

C0n i Blues, Antonio Conte ha siglato un contratto sino al 2019 e guadagnerà circa 7 milioni di euro a stagione.

  •   
  •  
  •  
  •