Schweinsteiger lascia la Nazionale. E Mourinho….

Pubblicato il autore: Luca Santoro Segui
Schweinsteiger bacia la Coppa del Mondo vinta in Brasile nel 2014. Oggi l'addio alla Nazionale

Schweinsteiger bacia la Coppa del Mondo vinta in Brasile nel 2014. Oggi l’addio alla Nazionale

Con un comunicato ufficiale pubblicato poche ore fa sul suo account Twitter il centrocampista del Manchester United Bastian Schweinsteiger ha dato il suo addio definitivo alla Nazionale tedesca. La notizia non è un fulmine a ciel sereno, perché da tempo si vociferava dell’intenzione del calciatore di lasciare la Mannschaft seguendo le orme di un’altra colonna della selezione teutonica come Philipp Lahm, ritiratosi due anni fa e a cui succedette come capitano. Colonna del calcio tedesco, già campione del Mondo nel 2014, Schweinsteiger ha realizzato in totale 25 gol su 120 presenze in Nazionale, quarto calciatore di sempre per caps collezionati dopo Matthäus, Klose e Podolski, e ha disputato 3 Mondiali, 3 Europei ed 1 Confederations Cup.

Nel comunicato postato su Twitter Schweinsteiger, rivolgendosi ai tifosi, afferma che “[…] in 120 presenze in nazionale, ho vissuto per il mio paese momenti belli e indescrivibili. Jogi Löw sapeva quanto significasse per me Euro 2016, perché volevo assolutamente vincere questo titolo che dal 1996 non siamo più riusciti a vincere in Germania. Con la vittoria del Mondiale nel 2014 abbiamo fatto la storia e siamo riusciti a fare qualcosa anche emotivamente, cosa che nella mia carriera non potrò più. Per questo è giusto e ragionevole ora dire basta e fare i migliori auguri alla squadra per la qualificazione e la Coppa del Mondo del 2018. Con il ritiro lascio la squadra che è sempre stata una preziosa famiglia. Ai nostri tifosi, vorrei concludere dicendo: “E’ stato un onore giocare per voi, grazie per tutto quello che ho potuto condividere con voi. Il vostro, Bastian Schweinsteiger”. E puntuali sono arrivati i ringraziamenti dei suoi compagni di Nazionale come Mario Götze e da un’altra colonna del calcio tedesco,  Rummenigge.

 

Schweinsteiger via anche dal Manchester United?

Nel frattempo, secondo la stampa tedesca José Mourinho pare voglia liberarsi del centrocampista: l’arrivo di Paul Pogba dalla Juventus od eventualmente di Blaise Matuidi dal Paris Saint-Germain, infatti, potrebbe determinare la cessione di Schweinsteiger che farebbe compagnia ad altri nove colleghi del Manchester United in esubero, come Andreas Pereira (verrà dato in prestito),Will Keane, Tyler Blackett, Paddy McNair, Adnan Januzaj (protagonista di una stagione non proprio esaltante), James Wilson e i giovani Cameron Bortwich-Jackson, Tim Fosu-Mensah. Obiettivo: la riduzione della rosa a 24 giocatori, mentre per Bastian Schweinsteiger è probabile il ritorno in Bundesliga; il suo ingaggio potrebbe essere fuori portata per la Serie A, ad esclusione della Juventus (ma non rientra nei piani di Marotta).

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Champions League, Manchester United-PSG: le formazioni ufficiali