Anche il WBA ai cinesi, continua lo shopping asiatico nel calcio inglese

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
fonte @premierleague.com

fonte @premierleague.com

Inarrestabile continua lo shopping cinese nel calcio europeo. Se per l’Italia e la Serie A (in Lega Pro c’è stato il precedente, conclusosi malamente, del Pavia) l’acquisizione dell’Inter da parte del Suning Commerce Group e del Milan da parte di una cordata orientale rappresentata da Han Li sono una novità che ha destato scalpore, in Inghilterra le proprietà cinesi stanno iniziando a diventare ormai all’ordine del giorno. L’ultimo in ordine di tempo a finire in mano cinese è stato Il West Bromwich Albion (WBA), formazione che da sette stagioni milita in Premier League e che, a inizio agosto, è stato acquistato da un gruppo di investimento cinese per una cifra vicina ai 150 milioni di sterline.

L’annuncio de il WBA ai cinesi è stato dato dallo stesso patron dei Baggies, Jeremy Peace che ha confermato il passaggio dell’88% del club biancoblù nelle mani della Yunyi Guokai Sports Development Limited, una struttura con quartier generale nella city finanziaria di Shanghai guidata da Gouchuan Lai.

Il WBA è l’11esimo club della massima serie inglese ad essere controllato da proprietà straniera e la presidenza passerà da Peace, per 14 stagioni alla guida della società, a John Williams che era presidente del Blackbur Rovers.

«E’ un onore e un privilegio avere la possibilità di diventare il nuovo proprietario di questo grande club – ha scritto il 42enne Guochuan Lai in una lunga lettera postata nel sito del WBA nel giorno dell’insediamento della proprietà cinese –. Abbiamo una squadra forte, tifosi leali e una cultura unica. La mia priorità sarà mantenere la struttura stabile del club, rispettare la sua natura e la sua tradizione. Non ho alcuna intenzione di cambiare la filosofia del Wba».

Restringendo il campo alla sola Inghilterra, prima del WBA ai cinesi erano finite l’Aston Villa, acquisita dal Recon Group presieduto da Tony Xia per una cifra vicina ai 100 milioni, e il Wolverhampton in Championship che con la nuova proprietà asiatica targata Fosun International (con l’appoggio del potente agente portoghese Jorge Mendes) ha sborsato 54 milioni di euro e come prima mossa di mercato ha portato sulla panchina dei Lupi Walter Zenga.

  •   
  •  
  •  
  •