Chelsea, Diego Costa non basta, la difesa inquieta Conte, basterà David Luiz?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
conte

Antonio Conte

Antonio Conte affronta i primi problemi della sua avventura al Chelsea, il 2-2 contro lo Swansea di Guidolin ha lasciato l’amaro in bocca all’ex c.t. della Nazionale che vede allontanarsi il City di Guardiola. Quattro gol subiti nelle prime quattro giornate di campionato non sono tanti, ma la porta dei Blues è rimasta inviolata solo contro il Burnley. Contro lo Swansea la coppia Terry-Cahill ha mostrato tutti i limiti che l’anno scorso avevano contraddistinto la stagione negativa del Chelsea. Conte in estate ha vanamente inseguito diversi difensori centrali, da Koulibaly a Maksimovic, da Stones a Romagnoli, ma alla fine è tornato David Luiz. Il brasiliano, di ritorno dal Paris Saint Germain, nella sua prima avventura al Chelsea, veniva schierato spesso da Mourinho a centrocampo, perché il portoghese non lo riteneva adatto a giocare in difesa. Terry sembra davvero aver fatto il suo tempo per giocare nella Premier League più competitiva di sempre, Cahill non è mai stato un mostro di affidabilità. Quale la soluzione da adottare per Conte per impermeabilizzare la difesa del Chelsea? Magari irrobustire il centrocampo affiancando Matic a Kantè, così da creare un doppio schermo davanti alla retroguardia, non dovendo costringere Courtois ad uscite spericolate come contro lo Swansea. Avendo ereditato una squadra reduce da una stagione disastrosa Conte sapeva di avere tanto lavoro da fare, anche psicologico, ma gli squadroni di Manchester, il Tottenham di Kane e il Liverpool tutto bollicine di Klopp non aspettano nessuno.

Leggi anche:  Probabili formazioni Udinese-Inter: Conte si affida ai titolarissimi, Lasagna in campo?

Conte su Diego Costa:” E’ una bestia, con o senza il pallone”

Se da una parte Conte deve lavorare sulla difesa, l’allenatore italiano può dirsi più che soddisfatto dell’avvio di stagione di Diego Costa, già 4 reti per lo spagnolo. “Un uomo marchiato” titola Express Sport in riferimento a Diego Costa e alle parole di Antonio Conte che lamenta come il brasiliano, naturalizzato spagnolo, sia bersaglio dei difensori e abbia bisogno di protezione. Costa è fin qui protagonista di un ottimo inizio di stagione: le sue 2 reti siglate ieri contro lo Swansea lo hanno portato in testa alla classifica cannonieri. Dall’addio di Mourinho in poi lo spagnolo era tornato ai livelli dell’Atletico Madrid, per quanto riguarda i gol Conte può stare tranquillo, ci pensa Diego Costa. Non sarò bello da vedere come Messi o Ronaldo, ma quando c’è da battagliare con le difese avversarie e buttare il pallone in fondo al sacco, non c’è bisogno di dirgli niente, Conte ha la sua bestia da gol.

  •   
  •  
  •  
  •