Chelsea-Liverpool, la lezione di Klopp a Conte

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
conte

Antonio Conte

Primo big match stagionale per il Chelsea di Conte e prima sconfitta, i Blues vengono sconfitti dal Liverpool di Klopp per 2-1 aprendo di fatto la prima mini crisi a Stamford Bridge. Un punto in due partite per gli uomini di Conte, che vede allontanarsi la vetta, non è bastato il ritorno di David Luiz in difesa al posto del vecchio Terry per fermare gli scatenati Reds. Partono decisamente meglio i Reds: attesi dai padroni di casa, fin troppo guardinghi, gli uomini di Klopp non si fanno pregare per tenere palla e puntare verso la porta di Courtois. Al 17’ l’undici in maglia rossa sfrutta la dormita della difesa del Chelsea: sul centro di Coutinho, Lovren è incredibilmente libero in area di rigore e può ciabattare al volo nell’angolino lontano. La reazione del Chelsea è poca roba. E quando al 36’ Henderson si avventa sul rinvio di Cahill e pennella un meraviglioso destro a giro nel sette, per Conte è buio pesto. L’inizio ripresa degli uomini della capitale è più convincente. Willian entra maggiormente in partita, Hazard offre qualche sprazzo e al 61’ i Blues accorciano le distanze. Matic, fino a quel momento tra i meno convincenti dei suoi, s’invola sulla sinistra e serve Costa che non se lo fa dire due volte e mette alle spalle di Mignolet. Conte chiama la carica e quattro minuti più tardi è ancora Costa a impensierire il portiere avversario che questa volta risponde presente. A nove dal termine Courtois tiene in partita il Chelsea vincendo il “derby” con Origi, riuscendo a rintuzzare l’incornata del suo connazionale. Conte prova addirittura a gettare nella mischia tre giocatori d’un botto – Fabregas, Pedro e Moses – ma questa volta la rete in zona Cesarini non arriva (era giunta in tre delle quattro precedenti giornate). E così l’allenatore italiano deve incassare la prima sconfitta casalinga dopo una serie positiva, tra Juventus e Chelsea, di ben 30 match.

Leggi anche:  Champions League, in Siviglia-Chelsea il VAR sarà da remoto

Conte:” Non è una mia sconfitta, ma dell’intero mondo Chelsea”

I giornalisti inglesi e i cultori dei social si sono già scatenati: rimproverano a Conte l’ostracismo a Fabregas. L’allenatore italiano in settimana è intervenuto sulla questione: Nessuna preclusione nei confronti di Cesc. Quando dimostrerà di meritare la maglia da titolare, giocherà”. Le sconfitte di Conte sono sempre una rarità e quella con il Liverpool è la prima alla guida del Chelsea: è arrivata alla sesta gara stagionale, dopo quattro vittorie e un pareggio. “Il mio primo ko in Inghilterra? Non è la mia sconfitta, ma una sconfitta dell’intero mondo Chelsea. Tutti dobbiamo prenderci le nostre responsabilità se non vogliamo vivere un’altra stagione da decimo posto. Questo k.o. dimostra che non abbiamo ancora lavorato abbastanza, che c’è ancora molto da fare. Bisogna avere pazienza, ma soprattutto è fondamentale rimboccarsi le maniche e darsi da fare”. Martedì prossimo, nuovo esame. Il Chelsea gioca a Leicester, terzo turno di Coppa di Lega. Gara senza appello: dentro o fuori. L’ennesimo derby italiano, stavolta con Ranieri. Il più difficile.

  •   
  •  
  •  
  •