Lo strano caso del Liverpool di Klopp

Pubblicato il autore: Ettore Culicetto Segui

Liverpool
Terzo in classifica e con un solo obiettivo da qui alla fine del campionato: la qualificazione in Champions League, senza preliminari se possibile, con se necessario. È questa la situazione che vive il Liverpool a questo punto della stagione del secondo anno di gestione di Jurgen Klopp, allenatore con il quale la squadra di Anfield lo scorso anno aveva sfiorato il ritorno alla gloria con la finale di Europa League, sogno infranto solamente da un Siviglia destinato a vincere il trofeo per la terza volta di fila.

Dopo due stagioni di piazzamenti negativi in campionato, il Liverpool quest’anno sembra avere tutte le carte in regola per tornare nell’Europa che conta, ma per quanto la qualificazione in Champions League sia ancora in ballo, c’è una cosa che già da adesso possiamo dire con certezza, ossia che i Reds termineranno la Premier League senza aver mai perso uno scontro diretto contro le prime sette del campionato, vale a dire Chelsea, Tottenham, Manchester City, Manchester United, Arsenal ed Everton: su 36 punti realizzabili contro queste squadre, Klopp è riuscito ad assicurarsene ben 26.

Leggi anche:  Premier League, dove vedere Arsenal-Newcastle in streaming e diretta tv

Per quanto questo record possa sembrare il preludio di qualcosa di positivo, è la stessa imbattibilità che a questo punto della stagione può, e forse deve, portare ad una riflessione: se non contro le prime della classe, davanti a chi tende a soffrire il Liverpool?

In questo senso, i Reds quest’anno sono stati il più delle volte grandi con le grandi e piccoli con le piccole, basti pensare che ad Anfield il Liverpool ha perso solamente una partita, quella con lo Swansea, una squadra che attualmente si trova in piena lotta retrocessione con un solo punto di vantaggio rispetto all’Hull City diciottesimo.

Gli uomini di Klopp hanno dato sino ad un preciso momento l’impressione di essere gli unici a reggere il passo del Chelsea di Conte. Questa svolta in negativo è avvenuta con l’inizio del 2017, un anno che ha decisamente cambiato le sorti della stagione del Liverpool. Sino al 31 dicembre 2016 infatti, i Reds erano in corsa su tutti i fronti: FA Cup, Coppa di Lega e campionato, dove i punti di differenza rispetto ai Blues erano solamente sei, una distanza tutt’altro che incolmabile. In Premier League al termine della diciannovesima giornata la squadra di Klopp aveva collezionato tredici vittorie, quattro pareggi e solamente due sconfitte (contro Burnley e Bournemouth), dando dunque l’impressione di poter davvero ambire ad un piazzamento finale importante, ma qualcosa nei meccanismi di gioco della squadra è sembrato subito dopo essersi bloccato.

Leggi anche:  Premier League, dove vedere Arsenal-Newcastle in streaming e diretta tv

La prima vittoria in campionato nel nuovo anno è arrivata solamente l’undici febbraio contro il Tottenham, dopo addirittura ben cinque gare (da segnalare le sconfitte con Swansea e Hull City). In tre giorni inoltre Klopp ha visto sfumare i sogni di alzare al cielo le due coppe nazionali, venendo eliminato in Coppa di Lega dal Southampton e in FA Cup dal Wolverhampton in una gara casalinga che tutto sembrava fuorché impossibile.

Oggi il Liverpool sembra aver ritrovato la strada della vittoria e da qui alla fine della stagione è chiamato a conservare la propria terza posizione dagli assalti delle squadre di Manchester, magari sperando anche in qualche passo falso del Tottenham. Il calendario del resto sembra esser dalla parte di Klopp, dal momento che da qui al ventuno maggio i Reds dovranno affrontare solamente squadre di medio-bassa classifica, anche se in realtà queste sono state quelle che maggiormente hanno dato filo da torcere a Coutinho e compagni. L’allenatore tedesco riuscirà a impartire ai propri calciatori la giusta mentalità per acquisire la sicurezza necessaria per riuscire a superare l’incubo delle squadre di seconda fascia? Il primo ostacolo da superare in questo scenario si chiama Bournemouth, squadra contro cui il Liverpool è chiamato questa sera alla rivincita della gara di andata.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: