Campionato finito? Ma non scherziamo

Pubblicato il autore: Maurizio de Strobel Segui

campionato finito

Campionato finito? No, assolutamente no. D’accordo, la Juventus è campione d’inverno ed ha cinque punti di vantaggio sulla Roma, ma non si deve parlare di campionato finito. C’è ancora tutto un girone di ritorno da giocare, 19 partite, e cinque punti sono nulla. Garcia, da quando la Roma ha perso 3 a 2 in casa della Juventus va ribadendo il concetto “vinceremo lo scudetto”: è un po’ il suo mantra ad ogni conferenza stampa. E se continua a dirlo vuol dire che ha grande fiducia nei suoi giocatori. Per spiegare questo distacco di cinque punti tra Juventus e Roma bisogna tirare in ballo anche le assenze: la Roma a Palermo, ad esempio, ha dovuto far giocare Paredes come titolare e a un certo punto Garcia è stato costretto a fare entrare Verde, un giovane della primavera giallorossa. In più, due cardini fondamentali come Keita e Gervinho sono in Coppa d’Africa e ci resteranno ancora un po’. C’è ancora uno scontro diretto da giocare tra Roma e Juventus e stavolta si giocherà sul campo della Roma, in un clima che sarà certamente caldissimo soprattutto dopo le polemiche del girone d’andata. Ma soprattutto a fine febbraio tornerà la Champions League, che leverà alla Juventus molte energie fisiche e psicologiche per il campionato, visto che andare avanti è uno degli obiettivi dichiarati della società bianconera. Chi parla di campionato finito sta parlando troppo presto, siamo ancora a gennaio e le incognite sulla strada dei bianconeri sono ancora tantissime. La doppia sfida di Coppa Italia e campionato contro il Verona non deve illudere, ricordiamoci cosa si diceva dopo i pareggi con Fiorentina, Sampdoria e Inter. Lì la Roma ha perso una o più occasioni, non approfittando della “pareggite” della Juventus, ma – a meno che la Juventus non sia una macchina – altre occasioni arriveranno. E non è detto che gli uomini di Garcia stavolta non si facciano trovare pronti. Campionato finito? Nemmeno per idea.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Esonero Maran, giorni di riflessione per Preziosi: si pensa al ritorno di Nicola ed al vecchio pallino Semplici