Risultato Roma-Empoli: Maccarone e Maicon firmano l’1-1. La Roma non vince più (cronaca e tabellino)

Pubblicato il autore: Simone Meloni Segui

Card Roma-Empoli

La Roma pareggia ancora e con tutta probabilità dice addio ai sogni tricolori. Ennesimo match inconcludente, statico e blando dei capitolini, anche stasera costretti a rimontare lo svantaggio e incapaci di capovolgere il risultato nonostante mezz’ora abbondante a disposizione. Sin dalle prima battute la squadra di Sarri conferma di essere un osso duro non rintanandosi nella propria metà campo ma agendo con ordine e pulizia tattica. E’ Iturbe ad arrecare il primo pericolo alla porta empolese, l’argentino avanza per vie centrale e lascia partire un destro potente ma impreciso. Gli ospiti si mettono in mostra all’8 con Vecino che, approfittando di un errore di distrazione da parte di Mapou, ruba palla e si incunea da destra servendo al centro una palla che deve essere solo spinta in rete ma su cui la difesa giallorossa riesce a mettere una pezza. Sulla ripartenza l’undici di Garcia si distende pericolosamente sull’asse Nainggolan-Ljajic, alla fine è Cholevas a tentare una conclusione dalla lunga distanza con la palla che si spegna nel campo per destinazione. Non è un’azione casuale, gli azzurri infatti interpretano alla perfezione la gara con Rugani e Maccarone che sulle fasce mettono in seria difficoltà il reparto difensivo capitolino che, come sempre negli ultimi tempo, non da propriamente l’idea di poter garantire sicurezza per tutti i 90′. Al 17′ è di nuovo Iturbe a salire sugli scudi, ancora con un tiro da fuori. Il suo sinistro è potente e sfiora la rete esterna della porta difesa da Hysaj. L’ex veronese è poi costretto ad abbandonare il campo per una distorsione al ginocchio. La prima occasione nitida per la Roma capita però sulla testa di Mapou al 20′, il difensore centrafricano svetta più altro di tutti su un cross di Ljajic ma, a tu per tu con il portiere toscano, spedisce incredibilmente al lato. Quelle della Roma però sono fiammate, frutto del tasso tecnico più che di una preparazione tattica. I padroni di casa infatti sono, a tratti, fermi e quasi incapaci di costruire gioco di fronte a una squadra meglio organizzata nonostante l’elevata inferiorità qualitativa. E allora il vantaggio dell’Empoli non arriva casualmente. E’ il 36′ quando Saponara, sfuggendo alla flebile gabbia difensiva avversaria, si invola solo contro De Sanctis, su lui rinviene Manolas che lo atterra. Rigore netto ed espulsione. Dal dischetto va Maccarone che non sbaglia. La Roma è completamente in bambola, schiava della sua incapacità di costruire gioco e schierarsi in campo da squadra. Prima dell’intervallo però Russo riequilibra il numero dei giocatori in campo espellendo Saponara per doppia ammonizione dopo che il giocatore empolesi tocca ingenuamente con mano il pallone nell’area avversaria.

Leggi anche:  Roma, Fonseca: "Necessario dimenticare Napoli e vincere"

La ripresa si apre con un’incursione di Nainggolan, il belga arrivato ai 30 metri lascia partire una staffilata che si smorza poco alta sulla traversa e le proteste giallorosso per un presunto fallo in area ai danni di Maicon. Al 56′ è proprio l’ex interista a trovare il pareggio con un piattone sinistro che rasoterra batte il portiere empolese. La gara si accende, con i padroni di casa che sembrano aver ritrovato un minimo di fraseggio in zona offensiva. Al 61′ Roma vicinissima al vantaggio con Astori che, sugli sviluppi di un corner battuto da Pjanic, scheggia la traversa con la testa. Qualche minuto dopo è Cholevas a fare tutto da solo, partendo dalla sua area palla al piede ed avanzando fino all’area avversaria tentando una conclusione che risulta però troppo debole. Tuttavia quelle dei capitolini risultano reazioni dettate più dall’orgoglio e dalle capacità tecniche che da una vera e propria organizzazione. Finito il momento di inerzia la partita ritorna ad essere dai ritmi blandi, con l’Empoli a difendere sapientemente e la Roma a sbattere sul muro della sua difesa. Così, come successo nelle gare precedenti con Lazio, Fiorentina e proprio Empoli in Coppa Italia, la Roma dopo il pari praticamente si blocca non riuscendo a costruire più nulla di veramente consistende, instradando il match sui binari del pareggio. Un risultato che soddisfa e premia meritatamente la squadra di Sarri, anche quest’oggi artefice di 90′ impeccabili. Se in casa Roma non si può parlare di crisi, poco ci manca. Con la Juve potenzialmente a +9 e un secondo posto che ora comincia a scricchiolare.

Leggi anche:  Atalanta, la situazione infortuni in vista della partita contro l'Udinese

ROMA-EMPOLI 1-1

MARCATORI 39′ Maccarone (E), 56′ Maicon (R)

ROMA De Sanctis, Maicon (Verde), Manolas, Mapou, Cholevas, Pjanic, Keita, Nainggolan, Ljajic, Totti (Astori), Iturbe (Florenzi) PANCHINA Skorupski, Marchegiani, Cole, Astori, Somma, Torosidis, Paredes, Pellegrini, Ucan, Vestenicky ALLENATORE Garcia

EMPOLI Sepe, Hysaj, Rugani, Barba, Mario Rui, Vecino, Valdifiori (Signorelli), Croce, Saponara, Pucciarelli (Mchedlidze), Maccarone (Zielinski) PANCHINA Pugliesi, Bassi, Laurini, Borghini, Diousse, Verdi, Brillante, Tavano ALLENATORE Sarri

ARBITRO Russo

AMMONITI Saponara, Croce (E), Florenzi, Verde (R)

ESPULSI Manolas al 36′ (R), Saponara al 45′ (E)

  •   
  •  
  •  
  •