Serie A, la formazione ideale scelta da Andrea Pirlo

Pubblicato il autore: Lorenzo Bettoni Segui

Serie A, la formazione perfetta scelta da andrea pirloAndrea Pirlo ha scelto la sua formazione ideale ed è un mix tra il calcio di qualche anno fa e quello attuale. Il gioco di chiedere ai calciatori qual’è il loro undici ideale è iniziato già da qualche mese e molti dei top player che decidono di rendere pubbliche le loro preferenze si includono spesso e volentieri nella formazione “perfetta”. Molti, ma non Pirlo, che a centrocampo sceglie due ex compagni del Milan oltre all’unico play  del recente passato paragonabile al regista della Juventus ed una leggenda del Manchester United.

Ecco i nomi scelti da Andrea Pirlo per la sua formazione ideale. Avviso ai naviganti: metà squadra ha giocato del Milan e questi undici giocatori hanno vinto in totale ben 20 Coppe dei Campioni.

In porta, ovviamente, Gigi Buffon, compagno di Pirlo negli ultimi, vincenti, anni bianconeri e campione del Mondo con l’Italia nel 2006.

In difesa, c’è molto della storia rossonera. A destra c’è Cafu, al centro Maldini. “Paolo -spiega Pirlo- è un difensore che leggeva il gioco come nessuno, intelligente e calmo sulla palla. Uno dei più grandi, sia per l’Italia che per il Milan. Completano il pacchetto arretrato nella formazione ideale di Andrea Pirlo il capitano dell’Italia ai mondiali del 2006, Fabio Cannavaro e Philip Lahm: “E’ uno di quei giocatori che non fa mai errori -spiega Pirlo parlando del tedesco. E’ sempre affidabile sia con la maglia della Germania che con quella del Bayern. Non sempre riceve le lodi che meriterebbe perché è normale vederlo giocare ad un livello altissimo (così normale che ci si fa l’abitudine ndr).

La palla passa al centrocampo, abbiamo già svelato i profili, adesso ci mettiamo i nomi. Xavi e Scholes sono il regista e la leggenda del Manchester United inclusi nella formazione ideale dal regista della Juventus. I suoi vecchi compagni di Milan, invece, sono Gennaro Gattuso “ogni squadra ne ha bisogno, era l’incubo degli avversari e giocava anche le partitelle di allenamento come la finale di Coppa del Mondo” e Ricardo Kaka: “ad un certo punto della sua carriera, nessuno sapeva come stopparlo. Per due o tre anni è stato il più forte del mondo, la prendemmo molto male quando se ne andò”.

Ne mancano due in attacco, uno è un attaccante “moderno”, l’altro è già un allenatore. Stiamo parlando di Lionel Messi e Filippo Inzaghi, che sono le bocche di fuoco della formazione ideale di Andrea Pirlo. “Io e Superpippo non dovevamo neanche guardarci. Io sapevo dove lui sarebbe andato e lui sapeva dove l’avrei data io. Era’ il bomber perfetto.”
Ecco la formazione ideale di Andrea Pirlo schierata in campo (via SportBible).

pirlo formazione

  •   
  •  
  •  
  •