Conferenza stampa Montella: “Orgoglioso di allenare la viola. Stimo molto Mancini, sarà una gara affascinante”

Pubblicato il autore: Federica Sala

Conferenza stampa Montella

Comincia un mese di fuoco per la Fiorentina, che sarà chiamata ad affrontare una big ogni quattro giorni a partire da domani. Alle ore 18.00 la formazione viola sfiderà l’Inter a Sansiro, in una gara importantissima per la corsa ad un posto in Europa il prossimo anno: “La squadra di Mancini è migliorata, sta trovando continuità, sarà una gara difficile” così Montella ha presentato in conferenza stampa la partita di domani. “Stimo molto Mancini, abbiamo giocato anche assieme. Io ero piccolo. Da lui ho imparato che bisoagna sempre migliorare le squadre. Mancini sta dando all’Inter una continuità di risultati. Sarà una gara difficile, come anche per l’Inter. Sarà una gara da giocare, affascinante, in uno stadio bello” ha continuato.
Che Fiorentina aspettarsi nelle prossime settimane? “Sono partite che piace giocare ai giocatori. Arrivati a questo livello bisogna abituarsi a questo tipo e ritmo di gare (una ogni 4 giorni ndr). Ce lo siamo conquistati e dobbiamo andare avanti per continuare a migliorare

Leggi anche:  Consigli Fantacalcio, i giocatori da acquistare all'asta di riparazione: ecco top e sorprese!

Sulla grande vittoria in Europa League contro il Tottenham: “Ho visto una squadra attenta, precisa. Difficilmente troviamo una squadra superiore ma siamo stati bravi nel gestire la gara“. E sul sorteggio: Forse sono un po’ preoccupati anche loro…“.

Montella ha poi parlato della condizioni di alcuni giocatori viola:
Salah:E’ arrivato molto ben allenato, non ha una storia calcistica perché è giovane e come ruolo abbiamo qualche alternativa in più. A livello tattico ha ampi margini di miglioramento. Ma non è detto che questo lo possa aiutare molto. Certi giocatori se diventato troppo tattici perdono della loro forza“.
Badelj: “In Italia vogliamo tutto subito. Dobbiamo dare tempo di ambientarsi, conoscere il calcio italiano. Lui è un bravissimo giocatore, può giocare nel ruolo di Pizarro ma non può essere considerato il vice perché ha altre caratteristiche“.
Borja Valero: “Ieri ha svolto lavoro differenziato,  c’è il 50% di possibilità di recuperarlo. Vediamo. A centrocampo siamo un po’ corti. Anche Aquilani sta stringendo i denti. L’altra sera ha giocato con dedizione e spirito di sacrificio, dimostrando attaccamento alla squadra. Anche per questo lo ringrazio pubblicamente“.

Leggi anche:  Calciomercato Salernitana: doppia scelta in difesa, ecco il favorito per gennaio

Infine un commento su come la Fiorentina sia cambiata dal mercato di gennaio: “Non so se la felicità porta all’appagamento, però come allenatore non devo fare così. Sono veramente, profondamente orgoglioso di allenare questi giocatori. Anche come persone. Difficilmente ho trovato, anzi è la prima volta, un gruppo, delle persone, che si dedicano nel migliore dei modi al lavoro, alla filosofia che vogliamo dare

  •   
  •  
  •  
  •