A Parma Manenti rischia, nelle casse ci sarebbero solo 40mila euro

Pubblicato il autore: Danilo Montefiori Segui

manentiAnche dopo il cambio di proprietà il Parma non trova pace. Pare che nelle casse societarie non ci siano più di 40mila euro, sufficienti appena per coprire le spese legate alla gara interna di domenica contro l’Udinese. I 40mila euro dovrebbero servire per gli steward, per la fornitura di energia elettrica, per le ambulanze e per poco altro. Ufficialmente la Lega Calcio non ha ancora fatto sapere nulla ma da contatti che sarebbero intercorsi durante tutta la giornata di ieri con i dirigenti gialloblu pare sarebbe pronto un “paracadute” che garantirebbe al Parma la conclusione della stagione, altrimenti a forte rischio. In tutta la situazione, a sorprendere ancor di più è il silenzio del neo presidente del Parma Manenti. Sempre nella giornata di ieri Manenti si trovava in Slovenia per risolvere, sembra, il problema legato al bonifico da 30 milioni che avrebbe dovuto garantire il pagamento degli stipendi arretrati e che non è ancora arrivato ma non si è espresso su questi famosi 40mila euro. A completare il quadro ci sarebbe la conferma da parte della procura di Parma della presentata istanza di fallimento, con udienza già convocata per il 19 marzo. Ad oggi i debiti ducali ammontano a 16 milioni e 746 mila euro (8 milioni e 443 mila per redditi di lavoro dipendente e 7 milioni e 218 mila di Irap). Se entro il 12 marzo il club non pagherà quanto dovuto si procederà con il fallimento. Parma Manenti non iniziano con il piede giusto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: