Caso De Sciglio: ora non c’è più spazio per lui

Pubblicato il autore: Luca De Iaco Segui

De Sciglio
Finalmente un piccolo raggio di sole per l’allenatore del Milan Filippo Inzaghi che, in un periodo non certo positivo in quanto risultati, ritrova un giocatore importante per la difesa: Mattia De Sciglio. Il giocatore dopo un’infiammazione alla fascia plantare del piede destro, diventata poi lesione, ritorna ad assaporare il campo da calcio anche se dopo due mesi e mezzo ne sono cambiate di cose nella rosa rossonera. La titolarità di De Sciglio sarà messa a dura prova sia per le opache (ed esigue) presenze in questa stagione da parte del giovane classe ’92, sia per le ottime prestazioni di Antonelli sulla fascia sinistra che gli sono valse anche la convocazione in Nazionale da parte del c.t. Conte.

Quale potrebbe essere dunque il futuro del giovane terzino del Milan? Come riportato su gazzetta.it, Inzaghi dopo essere subentrato a Seedorf, riguardo al calciatore dichiarò: “Lo vedo a sinistra e con me giocherà sempre, è e sarà fondamentale per il Milan e per la Nazionale”; queste tuttavia sono dichiarazioni di diversi mesi fa quando di Mattia si avevano ancora le immagini dell’ottima stagione 2012-13 che gli valse l’esordio nella Nazionale maggiore, immagini che a causa dei vari infortuni sono via via sbiadite fino quasi a ricordare un altro giovane ex milanista telentuoso ma sfortunato fisicamente: Pato.

Il futuro del giovane terzino è allora già scritto? Di certo ha la fiducia del suo allenatore e di tutta la società milanista soprattutto in Silvio Berlusconi che vorrebbe sempre più vedere un Milan composto da giocatori italiani, giovani e possibilmente cresciuti nel vivaio rossonero, tutte caratteristiche appartenenti a De Sciglio che ha passato 10 dei suoi 23 anni nel circolo del Milan. Mattia sa che le possibilità di riprendersi la fascia sinistra (visto che su quella destra è ritornato Abate) spettano solo a lui, con il duro lavoro e con quella voglia di fare bene che lo hanno portato da debuttare a 10 anni negli Esordienti del Milan fino ad arrivare in prima squadra. La strada sarà dura ma tutti i tifosi milanisti sperano che Mattia non si riveli un giocatore sfortunato “alla Pato” ma riprenda le orme di un altro grande campione rossonero che occupò (anche) la fascia sinistra: Paolo Maldini.

  •   
  •  
  •  
  •