Conferenza stampa Mancini: “Terzo posto fattibile. Col Wolfsburg possiamo recuperare”

Pubblicato il autore: Andrea Sicuro Segui

Mancini

L’Inter ritorna in campo domani sera nel posticipo domenicale della 27esima giornata di serie A: di scena a San Siro il Cesena, in cerca di punti salvezza. In conferenza stampa il tecnico nerazzurro Roberto Mancini analizza il momento della sua squadra, reduce dalla batosta europea rimediata in Germania con il Wolfsburg che ha compromesso il passaggio del turno in Europa League. Tra rincorsa alla Champions attraverso il campionato e qualificazione ai quarti di Europa League, quella che si apre per l’Inter è una settimana chiave. “Finché la matematica non ci condanna possiamo farcela – la premessa di Mancini nelle ultime giornate si perdono tanti punti, non è così impossibile. Io al City ne ho recuperati 8 in 6 partite. Il gap è rimasto lo stesso di prima ma non siamo riusciti ad accorciare. Se riusciamo a fare bene nelle prossime quattro possiamo accorciare la classifica. E’ difficile ma dobbiamo cominciare a battere il Cesena“. “Poi si entra in una fase decisiva, negli ultimi due mesi subentra anche la stanchezza – continua il tecnico che però aggiunge a proposito dell’impegno ravvicinato di Coppa – abbiamo una squadra giovane, la stanchezza non dovrebbe essere un problema, recupereremo in fretta – spiega Mancini -. Semmai la stanchezza è per i viaggi fatti. Ma comunque non cambieremo molto”. Si torna sulla sconfitta di Wolfsburg: “Nessuno è mai felice quando perde – dice Mancini – l’1-3 diventa difficile, ma non è irrecuperabile. Adesso però dobbiamo pensare al Cesena, poi studieremo come recuperare in Europa. Comunque il passaggio resta fattibile“. 

Si parla anche dei singoli, a partire dalla difesa, reparto criticato per i troppi gol subiti dall’Inter sotto la sua gestione: “La coppia Juan Jesus- Ranocchia è la coppia migliore che posso schierare in questo momento – commenta il tecnico che difende il portiere di Coppa Carrizo – lui non ha nessuna colpa. A volte fanno degli errori come tutti, mi spiace per lui perché è un ottimo portiere. Continuerò con questa idea. Felipe? Sì, potrebbe esordire, può giocare sia centrale sia esterno a sinistra. Da Podolski mi aspetto che faccia gol perché è un attaccante. Se giocherà mi aspetto che dia il suo contributo. Kovacic mezzala? No, penso di impiegarlo come trequartista o come esterno d’attacco. Icardi non pensa al fatto di essere diffidato, ci sarà”. Infine qualche battuta di mercato, in risposta alle parole del tecnico del Manchester City Pellegrini che ha stroncato le speranze di vedere Yayà Touré in nerazzurro: “Yaya per me è come un figlio – conclude Mancini – è un grandissimo giocatore e se ci fosse la possibilità di prenderlo, proveremo a prenderlo. Non mi pare di aver detto nulla di male”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter-Real Madrid, la Moviola: espulso Vidal e due rigori non dati? Ecco gli episodi chiave