Il centrocampo del Milan, un reparto da rifondare

Pubblicato il autore: Gianluca Cedolin Segui

Centrocampo del MilanLa situazione del centrocampo del Milan – La fascia mediana del campo sembra essere il vero punto debole del Milan di Pippo Inzaghi. Non che la difesa sia un forte inespugnabile, ma con il mercato di gennaio almeno in termini di uomini la dirigenza ha sistemato il reparto arretrato (sono arrivati Paletta e Bocchetti). E poi si sa che, se manca il fondamentale filtro del centrocampo, in difesa puoi avere anche Nesta e Maldini ma un gol prima o poi lo prendi, soprattutto nel calcio di oggi in cui tutti attaccano e tutti difendono.
Ma soprattutto ai rossoneri mancano giocatori capaci di girare velocemente la palla e di garantire un gioco che si possa definire tale. Capitan Montolivo non ha mai convinto al 100% in rossonero ma soprattutto sta pagando un (forse affrettato) recupero dal brutto infortunio patito quest’estate, e in questo 2015 tra problemi muscolari e una condizione fisica imperfetta sta collezionando prove ben al di sotto di quanto sperato. Il suo naturale sostituto in cabina di regia, Van Ginkel, arrivato con la benedizione di Mourinho, resta tutt’oggi un oggetto misterioso e a fine stagione farà sicuramente ritorno al Chelsea. Probabilmente i rossoneri avrebbero fatto meglio a tenersi Cristante.
I due ghanesi Muntari ed Essien, anche loro non sempre al top della condizione, non stanno sicuramente disputando la miglior stagione della loro carriera. L’ex Chelsea in particolare è la brutta copia del “toro” che tanto era stato importante per la mediana dei Blues. A fine stagione Essien molto probabilmente non rinnoverà e terminerà la sua non certo esaltante esperienza in rossonero. Muntari invece a meno che non arrivino offerte interessanti dovrebbe rimanere.
Poli e De Jong sono senza dubbio i due centrocampisti dal miglior rendimento (esclusa la bella sorpresa Bonaventura), il primo offrendo tanto in termini di corsa ed inserimenti, il secondo recuperando una quantità industriale di palloni e non disdegnando anche qualche giocata pregevole. Ma nessuno dei due ha nelle proprie corde una grandissima qualità nel palleggio, cosa che al centrocampo del Milan servirebbe come l’acqua. Per quanto riguarda l’olandese poi la situazione legata al suo rinnovo contrattuale è ancora da sbrogliare e l’interesse manifestato in passato da club come lo United potrebbe mettere a rischio la permanenza in rossonero di quello che i tifosi vedrebbero bene come capitano del Diavolo.
In estate quindi il centrocampo del Milan andrà ricostruito, e vista la mancanza di fondi per un gran mercato i supporter rossoneri sperano almeno nell’acquisto di qualche giovane interessante.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: