Inter, Thohir sbotta: “Senza Europa sono guai…”

Pubblicato il autore: Francesco Meola Segui

Thohir Inter

Al di là delle dichiarazioni di facciata, in casa Inter erano davvero in pochi coloro che credevano nella rimonta europea. L’atteggiamento mostrato in campo contro il Wolfsburg ha rispecchiato a pieno quello di una squadra impaurita, per nulla incisiva e con la testa evidentemente già alla prossima stagione. Roberto Mancini, da quando è sopraggiunto a Walter Mazzarri, ha provato in tutti i modi a scuotere i suoi ma l’Inter non è mai riuscita a trasferire sul campo le direttive inculcate dal tecnico. Da qui la reazione di Erick Thohir il quale, dopo aver mantenuto un atteggiamento piuttosto morbido, non ha affatto digerito l’ennesima figuraccia della sua squadra. Nel mirino del tycoon indonesiano innanzitutto i giocatori, la cui qualità inferiore a quella del passato, non può tuttavia giustificare l’andamento sin qui palesato. Persino gli innesti di Shaquiri, Podolski e Brozovic non hanno sortito effetto alcuno e a questo punto la società inizia a temere anche per il prosieguo del campionato. Fuori da ogni competizione e con una posizione di classifica che relega l’Inter nella seconda metà, i nerazzurri sono infatti chiamati a dare del loro meglio nelle rimanenti undici gare. Qualora ciò non dovesse avvenire, il messaggio presidenziale è molto chiaro: “Senza Europa League sarà rivoluzione. Nessuno deve sentirsi sicuro del proprio posto”. I ben informati parlano dunque di un Thohir molto diverso da quello dell’iniziale approdo in nerazzurro. Un po’ come capitato a Moratti tante volte nella sua storia di presidente dell’Inter, anche l’indonesiano ha finito con il perdere la pazienza. Segno, questo,  che probabilmente dietro la maschera di freddo manager, per la ‘gioia’ di tanti scettici, inizi con il nascondersi un vero e proprio tifoso dei colori nerazzurri.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Ilicic, l'inizio di una redenzione atalantina. Gasperini punta su di lui