Risultato Sampdoria Inter 1-0: Eder stende i nerazzurri. Europa sempre più lontana

Pubblicato il autore: Andrea Sicuro

 

risultato sampdoria inter

Si ferma ancora l’Inter, battuta al di là dei propri demeriti da una Sampdoria che con questo risultato si porta al quarto posto solitario a -4 dalla Lazio e dalla Champions League. Decide un gran gol di Eder su punizione che festeggia al meglio la convocazione in Nazionale. Nerazzurri anche sfortunati, che confermano però anche una certa fragilità: adesso l’Europa League è distante nove punti. Una montagna da scalare nelle ultime dieci partite. Fortuna che c’è la sosta: tra quindici giorni c’è il Parma fanalino di coda a San Siro e virtualmente retrocesso. Appuntamento da non sbagliare per scacciare la crisi (quattro partite senza vittorie in campionato, sei se si considera anche l’Europa League), ma mancherà il bomber Icardi (ammonito e diffidato). Può sorridere Mihajlovic: la sua squadra, al quarto successo di fila, può sognare in grande.

Leggi anche:  Inter, via lo sponsor principale dalle maglie: la beffa dalla Digitalbits

RISULTATO SAMPDORIA INTER PRIMO TEMPO In casa Inter recupera Shaqiri dal 1′: lo svizzero si posiziona sulla trequarti dietro Podolski e Icardi. In difesa Vidic prende posto accanto a Ranocchia mentre Juan Jesus scivola sulla sinistra e D’Ambrosio sostituisce Santon (fermato dalla febbre) dall’altra parte. La Sampdoria si schiera con il solito 4-3-3 che prevede la presenza di Muriel e Eder ai lati dell’ex di turno Eto’o al centro dell’attacco. E’ dei blucerchiati la prima palla gol della partita: Eto’o lancia Muriel in area di rigore, il colombiano si porta palla sul sinistro e tutto solo calcia alto da buona posizione. Gli ospiti però non stanno a guardare e reagiscono con un colpo di testa di Icardi su cross di Shaqiri che termina però alto. La partita si mantiene bella ed equilibrata con occasioni da una parte e dall’altra: Eder impensierisce Handanovic dalla distanza, Icardi di sinistro appena dentro l’area di rigore non trova la porta. Si va all’intervallo sul risultato di perfetta parità: solo un episodio può dare una svolta alla partita e così sarà.

Leggi anche:  Andrea Pisanu a SuperNews: "Bielsa fonte di ispirazione. Malta palestra di vita e di calcio. Cagliari e Parma le squadre del cuore"

RISULTATO SAMPDORIA INTER SECONDO TEMPO L’Inter riparte meglio: Icardi centra subito la traversa con un destro a giro sul quale Viviano non ci sarebbe mai arrivato. I nerazzurri prendono in mano le operazioni di gioco: Shaqiri dal limite calcia a lato, ancora Icardi di testa su traversone di Guarin dalla destra manda alto non di molto. Sembra che da un momento all’altro la squadra di Mancini possa passare; invece è la Sampdoria che passa al 65′: da una palla persa da Guarin s’innesca la ripartenza che porta al fallo di D’Ambrosio (ammonito) su Soriano; punizione toccata da Eto’o e calciata da Eder di destro che sorprende Handanovic sul suo palo (complice anche una barriera che si apre al momento del tiro). I nerazzurri si sgonfiano e in pratica non riescono più a incidere, anzi sono i doriani a sfiorare il raddoppio ancora con Eder che su punizione non inquadra la porta. A nulla serve il passaggio al 4-2-3-1 con l’ingresso di Palacio per Brozovic ad allargare il campo: non arrivano palle gol, neanche quando Mihajlovic perde Regini per infortunio a cambi finiti. Il risultato non cambia più: a Marassi finisce 1-0. Un’altra sconfitta per gli uomini di Mancini, che con questo risultato perde un’altra chance per rientrare nel treno per l’Europa; Mihajlovic batte la squadra del suo passato e del futuro, chissà quanto remoto.

  •   
  •  
  •  
  •