Roma, Garcia al capolinea: idea Spalletti

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

Spalletti%2004

Non è stato in grado di risolvere i problemi della Roma. Due mesi di lavoro (la crisi della Roma si era aperta a gennaio): prove, accorgimenti,consigli ai suoi giocatori su come uscire dalla crisi. Ma Rudi Garcia non riesce a risolvere i difetti della sua squadra. Anzi, se possibile, le cose vanno sempre peggio. Ieri, per la prima volta, le ammissioni della società, per bocca del Dg Baldissoni: “Se non raggiungeremo gli obiettivi, ci confrontemo attorno a un tavolo e, in base ai risultati, metteremo le cose in discussione”. Garcia, almeno a parole, non si discute. Ma per la prima volta anche la società comunica che il rapporto con l’allenatore, qualora non dovessero arrivare i risultati prefissati, è a rischio. All’interno della società c’è chi è ancora più risoluto: cosa teniamo a fare Garcia, se è praticamente certo che il prossimo anno andrà via? bisogna cambiare subito, adesso, almeno questa è l’idea dei falchi di Trigoria. Per Rudi Garcia (contratto fino al 2018) saranno decisive le prossime due partite. Fiorentina in Europa League e Cesena in campionato. Il francese si giocherà tutto in quattro giorni. Intanto la società tiene in caldo la soluzione Spalletti. Si tratterebbe di un clamoroso ritorno. Spalletti ha un contratto con lo Zenit (che lo ha esonerato il 10 marzo 2014) che scade fra tre mesi. Secondo alcune fonti, fra le parti ci sarebbe stato un contatto negli scorsi giorni. Informale. Solo per valutare l’eventuale disponibilità di Spalletti a tornare, anche nell’immediato. Sono contatti che nel calcio ogni società, in un momento di crisi, attua. Spalletti (che ha anche altre soluzioni possibili) potrebbe dare la sua disponibilità, anche se l’idea di entrare in corsa non lo esalterebbe più di tanto. E, inoltre, una volta aperta ufficialmente la trattativa, potrebbe anche chiedere specifiche (e onerose) garanzie tecniche. Il principale nodo da sciogliere sarebbe il contratto: Spalletti allo Zenit percepiva un ingaggio di 3,3 milioni di euro. La Roma non potrà mai garantirgli quella cifra. Ma se le cose con Garcia, nelle prossime due partite, dovessero precipitare, la società tornerebbe alla carica con Spalletti. Spalletti conosce Roma. E si è lasciato in ottimi rapporti con Totti e De Rossi. Tutti, a Trigoria, gli vogliono bene. Se son rose, fioriranno.

  •   
  •  
  •  
  •