Roma Sampdoria, Ferrero: “Sono romanista ma vinceremo noi”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

sampdoria-ferrero

Roma Sampdoria la sfida in programma domani sera all’Olimpico si avvicina. Massimo Ferrero, di ritorno dal viaggio di lavoro a Abu Dabi, sulle pagine odierne de “Il Secolo XIX”  ha rilasciato dichiarazioni importanti su inerenti alla partita Roma Sampdoria: “Certo, resto romanista, e la mia prima partita allo stadio con mio nonno era della Roma. Ero tanto piccolo che non ricordo neppure l’avversario, posso dirvi che la Roma era quella dell’argentino Manfredini Pedro e che quel match non l’ho visto finire perché mi sono addormentato“.
Roma Sampdoria, una partita che la i giallorossi devono vincere per difendere il secondo posto, mentre i blucerchiati cercheranno sicuramente di rafforzare la loro posizione in Europa League, magari sognando uno sgambetto alla Roma in crisi di vittorie. Ferrero ha lanciato così il suo messaggio: “Oggi però amo solo la SampDoria e domani sera spero di cantare “Grazie Roma” per i 3 punti che ci siamo presi. All’Olimpico avrò tanti amici giallorossi: tutti artisti, perché gli artisti tifano Roma, pochi Frosinone. Ci sarà Tognazzi, Claudio Amendola, Favino e altri del cinema. Amici cui la Sampdoria proverà a dare un dispiacere“.
Oltre che a parlare di Roma Sampdoria Ferrero ha svelato importanti idee sul futuro dei blucerchiati: “Quella del calcio sarà la Città di Samp&Doria, stiamo lavorando da mesi perché sia così non devo dirlo io chi sta facendo le cose e chi parla soltanto, noi abbiamo un progetto e non ho mai lavorato così tanto come in questi mesi… Obiettivo? Lo scudetto entro 3 anni“.

  •   
  •  
  •  
  •