Caso Iturbe a Roma: l’argentino finisce in panchina

Pubblicato il autore: Redazione Segui

caso iturbe

A Roma è scoppiato il caso Iturbe: dopo le ultime deludenti prestazioni, Garcia ha deciso che nel prossimo turno di campionato contro l’Inter l’argentino finirà in panchina. Su Iturbe, quest’anno, i tifosi della Roma avevano riposto le proprie ambizioni di scudetto. In agosto sembrava destinato alla Juventus, ma con quella che in molti all’epoca definirono una mossa a sensazione, Sabatini riuscì a soffiarlo a Marotta e a portarlo a Roma, tra il tripudio dei tifosi giallorossi. Adesso, a distanza di 8 mesi, quanti rimpiangono la mossa di Sabatini? Quanti avrebbero preferito un suo approdo a Torino, sponda bianconera?

Caso Iturbe: quasi 30 milioni e un solo gol

Già, perché Iturbe è stato il giocatore più costoso da quando la proprietà americana con a capo James Pallotta ha acquistato la Roma: per lui, tra bonus e accessori vari sono stati spesi quasi 30 milioni, una cifra vicina a quella di un top player. E in tutta la stagione, in campionato l’argentino ha realizzato un solo gol in 1119 minuti giocati, gol peraltro inutile, proprio contro la Juventus, nella partita persa dai giallorossi per 3 a 2 con grandi polemiche sull’arbitraggio di Rocchi. Ma non solo: Iturbe ha la seconda peggiore media gol tra tutti gli attaccanti che giocano in serie A (davanti a lui c’è solo Belfodil del Parma) e ha tirato nello specchio della porta soltanto 5 volte in tutto il campionato. Certo, il responsabile del pessimo momento della Roma non è solo lui: tutto il reparto offensivo è coinvolto, visto che nessun attaccante è andato in doppia cifra (il capocannoniere è Ljajic con 8 gol) e i nuovi acquisti di gennaio – Ibarbo e Doumbia – non hanno realizzato neppure una rete. Però il caso Iturbe c’è e non può essere nascosto: la panchina con l’Inter non può essere considerata una punizione per lui, ma certo non si può dire che sia scoppiato il feeling che tutti si attendevano. Iturbe alla Roma il prossimo anno avrà una seconda chance, ma non dovrà fallire.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Torino, esonerato Giampaolo: arriva Davide Nicola, domani l'annuncio