Inter, 50 minuti di allenamento a Pasqua: Mancini chiede ai suoi dignità, impegno e cuore

Pubblicato il autore: TonyR Segui

Inter

Pinetina. Inter. Messaggio recapitato. I giocatori sono giunti al centro sportivo tra le 7.30 e le 7.45. Giusto il tempo di prepararsi per l’allenamento e poi ramanzina agli ordini di mister Mancini, Ausilio e Zanetti. Discorso duro, dove capitan Ranocchia e compagni sono stati messi di fronte alle loro responsabilità ed incitati a tirare fuori dignità, cuore e impegno, elementi mancati nel match casalingo di ieri contro il Parma. Discorso durato dieci minuti circa, poi, l’allenamento di 50 minuti con la promessa che, in caso di mancato successo contro il Verona, le punizioni saranno molto più severe.

Di fatto, il lavoro non è stato massacrante, a differenza dell’orario d’appuntamento: tutti in campo alle 8. E dopo la promessa di accorciare le ferie, anche lavoro durante le feste, nonostante l’allenamento è durato solo 50 minuti, incentrato su atletismo e resistenza. Inter divisa in due gruppi separati che hanno lavorato in un silenzio che fa tanto rumore, sotto gli occhi accusatori di Mancini, del vicepresidente Javier Zanetti e del d.s. Piero Ausilio.  Più che altro, contava il messaggio che i tre, in accordo con il presidente Thohir, hanno recapitato ai giocatori: pronto riscatto, già a partire dal match contro l’Hellas Verona. La speranza di tutta la società Inter è che il messaggio sortisca una sorta di reazione d’orgoglio, per provare a dare un senso a questo finale di campionato. In caso contrario, sono previste ulteriori punizioni in vista del derby contro il Milan il 19 Aprile, a partire dal raddoppio delle sedute di allenamento. In prossimità del derby, inoltre, è previsto il ritorno a Milano di Thohir, dove sarà impegnato a valutare i temi economici e sportivi, ma anche la valutazione di chi è da Inter o meno in una rosa che, mai come quest’anno, pare aver smarrito cuore e grinta.

 

  •   
  •  
  •  
  •