Juve, con la Lazio ampio turnover!

Pubblicato il autore: Simone Lettieri Segui

Juve lazio

Juve, con la Lazio serve un ampio turnover. Al di là del match con il Parma le seconde linee bianconere sono tranquillamente in grado di sostenere la forza d’urto di qualsiasi avversario in Italia( vedi lo 0 a 3 a Firenze). Con i biancocelesti in campo per vincere, ma va bene anche un pareggio. Il turnover servirà a far riposare prima di tutto Tevez, che con il Monaco ha dimostrato di essere a mezzo servizio. Nel caso, anche per Pirlo un minutaggio non eccessivo, se c’è la possibilità di una ricaduta. Se invece servissero minuti nelle gambe al fuoriclasse bianconero, bene che giochi tutti e novanta i minuti. A Monaco servirà una Juve prima di tutto forte fisicamente, perché i giovani talenti del Principato fanno della velocità nelle ripartenza il loro marchio di fabbrica. Sopratutto alla Juventus servirà un gol, e Carlitos e’ fondamentale sia per i gol sia per far giocare bene chi gli sta accanto( Morata). Curiosità statistica: la Juve quando ha vinto 1 a 0 in casa in coppa non è’ mai passata, il Monaco quando ha perso fuori casa 1 a 0 non è’ mai andato avanti. In un caso o nell’altro qualcuno sfaterà il tabù.

Leggi anche:  Serie A, Benevento-Juventus: probabili formazioni; dal 1' con Bonucci e Dybala

La Lazio. È’ la squadra più in forma del campionato, viene da otto vittorie consecutive, punta al secondo posto. Per quanto a Roma non dimentichino lo scudetto del 2000: la Juve aveva 9 punti di vantaggio a 8 giornate dalla fine. Ipotesi che potrebbe riproporsi. Ma tra quella Lazio e questa Lazio c’è una discreta differenza. Tutti i giocatori sono al top, c’è però un problema in difesa con De Vry infortunato, Gentiletti espulso al rientro. Felipe Anderson pericolo pubblico numero uno, insieme a Mauri che viene costantemente sottovalutato. Probabile che Allegri dietro schieri la difesa a quattro, mentre a centrocampo più difficile comprendere se ci sarà riposo per i 4 di Champions.

  •   
  •  
  •  
  •