Juventus Lazio, le interviste postgara dei bianconeri. Tevez, Vidal, Bonucci e Allegri: “Scudetto vicino, ora pensiamo al Monaco”

Pubblicato il autore: Carmine Errico Segui

juventus lazio interviste postgara

Terminato il Big match di stasera tra Juventus e Lazio (Clicca qui per la cronaca e il risultato finale) i giocatori bianconeri e quelli biancocelesti hanno raccontato alla stampa le proprie sensazioni. Qui di seguito le interviste postgara rilasciare dai calciatori bianconeri al termine di Juventus Lazio.

AGGIORNA

Tevez alla Rai
Non si deve parlare del Boca Juniors, io sono un giocatore della Juventus e credo che rispetterò il contratto che ho. Al titolo di capocannoniere non ci penso, penso a vincere le partite ed a vincere il campionato”.

Tevez a Sky
L’esultanza del gol? Sono contento perché abbiamo giocato alla grande. Avevo promesso che averi fatto questa esultanza… Io penso solo alla Juventus ora. Futuro? Sto già parlando troppo. Voglio continuare con la Juventus, stiamo facendo un qualcosa di straordinario non è giusto parlare solo di me. Quando deciderò di andare via, i tifosi saranno i primi a saperlo. Ora il Monaco? Serve una grande Juventus, non sarà facile. Modulo? Conta la squadra che ha il suo valore e che rende sempre al massimo”

Tevez a Mediaset Premium

Manca poco allo scudetto, tre o quattro partite da vincere, penso che così sia più facile con la squadra forte. Futuro? Si io penso che dobbiamo stare tranquilli e quando io prendo una decisione, i tifosi saranno i primi a saperlo per rispetto a tutti, tifosi, club. Ora devo vivere il momento e pensare al presente, io penso alla Juve, stiamo giocando partite importanti, io non posso pensare il mio futuro adesso. Come ho detto, deciderò quando c’è il momento giusto e il primo che lo sapranno saranno i tifosi e la società, devo il rispetto ai tifosi. Esultanza? Una scommessa con la mia gente. Il Monaco? No, non abbiamo paura. L’avevo al mio quartiere, rispetto perché sono una squadra forte, l’avevo detto con il sorteggio, ma mi sento meglio oggi che martedì, al trentacinquesimo ero stanco. Oggi mi sento meglio, mercoledì starò meglio di oggi, faremo una partita difficile dovremo affrontarla come le altre partite. Penso che giocare con il Monaco sarà dura, dovremo fare una bella partita”. Io uomo squadra? Cosa potrebbe farmi lasciare? No, nessuno deve fare niente, io devo decidere da solo con la mia famiglia, nessuno, tifosi o società o compagni deve fare nulla, qui mi sento come a casa, mi hanno fatto arrivare a un livello grande, devo tutto a loro, io sono traneuollo e se ne parla troppo. Facile parlare, e’ gratis 

Allegri in conferenza stampa
Credo ci sia da fare soprattutto i complimenti a questo gruppo di ragazzi che fino ad ora sta facendo un’annata straordinaria, importante, perché non abbiamo ancora concluso niente. E stasera abbiamo fatto una partita da squadra matura, sapendo le qualità e le caratteristiche della Lazio, concedendo poco e niente, sfruttando al massimo gli episodi che ci siamo creati. Tornare a vincere stasera e battere la seconda in classifica era difficile e importante perchè ci permette di allungare di nuovo sulla Lazio a 7 giornate dalla fine. E’ una squadra che veniva da otto vittorie subendo solo due gol, facendone 19. E soprattutto perchè in questo momento la Lazio più di 79 punti non può fare, quindi abbassare la quota Scudetto era importante per noi. I ragazzi ci sono riusciti nel migliore dei modi e ora ci prepararemo per il Monaco. Per quanto riguarda lo Scudetto, posso solamente direi che io non ho assolutamente fretta di vincere lo Scudetto, anche perché per arrivare allo Scudetto bisogna fare non meno di 80 punti , ne mancano ancora 8 alla matematica, perché la Roma più di 81 non ne può fare. Quindi bisognerà giocare tutte le altre 7 partite ed essere bravi a rimanere concentrati. Poco possesso palla? Stasera in certi momenti abbiamo un po’ affrettato le giocate e abbiamo volutamente lasciato il pallino del gioco in mano a loro, perché sapevamo che sulle ripartenze, negli spazi, ci potevano creare dei problemi. Il gol di Bonucci? Bonucci è stato molto bravo. A fine campionato, il numero dei gol fatti va diviso tra attaccanti, centrocampisti e difensori. Con i difensori non so quanti gol abbiamo fatto, ma credo che ne manchi ancora qualcuno. Che modulo contro il Monaco? Su questo ci penserò da domani. Stasera non ce la faccio. Da domani comincerò a pensare al Monaco e vedrò di indovinare, di cercare di mettere in campo gli undici che siano in grado di giocare una bella partita sotto il piano tecnico, tattico, indipendentemente dal sistema di di gioco“.

Leggi anche:  Champions League, Juventus qualificata agli ottavi se... Ecco le combinazioni possibili

Allegri a JTV
C’è da fare solamente i complimenti ai ragazzi, non solo per la partita di stasera, ma per quello che stanno facendo da quando siamo partiti. Era importante vincere contro una Lazio che veniva da otto vittorie, avendo subito solamente due gol e facendone 19. Abbassare la quota dello Scudetto era importante, l’abbiamo abbassata di un punto, perché la Lazio più di 79 punti non puòl fare, la Roma al momento ne può fare massimo 81, quindi alla matematica mancano ancora 8 punti. È stato un risultato importante innanzitutto perché ci siamo scrollati di dosso la sconfitta di Parma e soprattutto perché i ragazzi hanno fatto una partita in modo giusto, sotto il piano tecnico, tattico, dell’attenzione. Questo credo sia un valore aggiunto in questo gruppo. Scudetto, Coppa Italia e Champions? Per raccogliere bisogna aver pazienza. Mercoledì giochiamo con il Monaco, in campionato minimo bisogna giocare altre quattro partite, altre tre se siamo bravi a vincerne tre. La finale di Coppa Italia è il 7 giugno. Bisogna lavorare con serenità, cercando di mantenere una buona condizione fisica e mentale che ci permetta di arrivare in fondo alla stagione. Martedì la squadra ha difeso molto bene nel secondo tempo, non concedendo niente al Monaco. Quando bisogna difendere, bisogna difendere tutti e dieci, perché più siamo dietro la linea della palla e più diventiamo pericolosi quando attacchiamo. Quindi credo che i ragazzi abbiano capito e soprattutto sanno che per portare a casa questo campionato bisogna lavorare in questo modo, come per portare a casa la qualificazione, che non sarà assolutamente semplice, bisognerà fare un’ottima partita e bisognerà essere molto bravi“.

Leggi anche:  Probabili formazioni Lazio-Zenit: le ultimissime

Allegri alla Rai
Scudetto? Nulla di concluso, perché c’è ancora un pò per la matematica. Abbiamo battuto la Lazio che veniva da otto successi ed aveva subito solo due reti. I ragazzi sono stati molto bravi, abbiamo concesso poco o nulla e mancano tre vittorie per conquistare lo scudetto. Sono contento della prova ed in generale di quello che stiamo facendo, speriamo di chiudere i giochi, così possiamo andare in semifinale di Champions e siamo in finale di Coppa Italia. Marchisio nel derby si riposerà, ha giocato tanto, ci sono altri giocatori. Le voci evidentemente non disturbano Tevez , è determinato a vincere con la Juventus. A Monaco bisogna essere più bravi, è una squadra fisica, subisce poco e l’1-0 è un buon risultato ma tutto è in gioco“.

Allegri a Sky
Partita perfetta stasera? Sono contento di quello che hanno fatto i ragazzi, non solo oggi ma per tutta la stagione. Ora pensiamo al Monaco perché vogliamo la semifinale. Stasera siamo stati bravi perché la Lazio è la squadra che gioca il miglior calcio in Italia. Noi abbiamo una maturità tale che ci permette di gestire le partite ed è quello che abbiamo fatto oggi. Scudetto? Stasera era importante perché la Lazio ha fatto 19 gol e ne ha subite due nelle ultime 8 gare. La Lazio sta facendo un campionato straordinario e ci siamo avvicinati alla quota campionato. Dobbiamo vincerne ancora tre. Tevez e il futuro? Avere nostalgia di casa è normale, la sentiamo tutti. Noi pensiamo solo a questa fine stagione come Tevez. Come giocheremo mercoledì? Vedremo, ci penseremo da domani. Non è importante il modulo ma come difendi e attacchi. Oggi abbiamo fatto un ottimo primo tempo, ma siamo stati troppo frettolosi nella ripresa. Mercoledì abbiamo una partita che sarà uguale a quella d’andata, sarà difficile. Vedremo il modulo che sceglierò, ma le scelte le faccio in base a come possa andare la partita, ecco perché ho giocato con questo modulo stasera perché avevo la possibilità di poterlo cambiare con un cambio. Vidal e Pirlo? Il ritmo partita lo si prende giocando ma ho preferito far riposare un po’ Pirlo perché è davvero importante per noi. Vidal sta facendo ottime gare, è molto migliorato anche in fase difensiva.”

Allegri a Mediaset Premium
E’ stata una vittoria importante contro una squadra che sta facendo un campionato straordinario. Venivamo del partita di martedì con tante energie spese, oggi la squadra ha fatto bene con autorità e gestendo la partita. Stasera era importante vincere. Fare un risultato positivo. La Lazio al massimo può arrivare a 79, mancano ancora tre vittorie per la matematica. Tevez? Un giocatore straordinario. Parlare di mercato e che farà non ha senso, Carlos credo che anche a lui non faccia piacere, vedremo l’anno prossimo. Credo che rimarrà, sta bene ha ancora molto da fare nel calcio europeo. Le condizioni di Carlos sono in miglioramento e lui sta facendo bene. Scudetto? La matematica non c’è ancora fino a quando non ce lo consegnerà bisogna vincere le partite, poi la Lazio più di 79 punti non può fare. Credo che la squadra abbia capito l’importanza della partita. Difendere tutti insieme senza concedere un centimetro. La scelta tattica di oggi? La Lazio e’ una squadra che ha fatto il 40% dei gol su cross! bisognava tamponare e limitare! siamo stati bravi! abbiamo concesso solo tiri da fuori area anche nel secondo tempo con Candreva, stanno facendo bene da quando sono partiti. Matri? Bocciature non ce ne sono, hanno giocatore quasi tutti, ma avevo bisogno di uno davanti per allungare i due centrali. Matri ha fatto bene. La sfida con il Parma? Abbiamo fatto un buon primo tempo in un clima surreale, no dovrebbero esistere queste situazioni per noi e per il Parma, abbiamo fatto un buon primo tempo. Nel secondo tempo non abbiamo fatto bene, forse serviva per preparare bene Monaco e la Lazi. Il Monaco? Ha dimostrato ampiamente il valore, passare il turno sarà difficile, dovremo essere molto bravi”.

Vidal a Sky
Una Juve perfetta, abbiamo giocato benissimo contro una squadra fortissima. Manca poco per vincere lo Scudetto. Se vinciamo tre gare di fila possiamo vincere. Sei in crescita? Mi sento bene, ora sono al 100%. Abbiamo partite importantissime e sono contento di essere al massimo. Arriveremo al 100%, di testa e di gambe contro il Monaco 

Vidal a Mediaset Premium
Si sente lo scudetto, siamo vicini ma manca ancora un po’ di until dovevamo stare con la testa tranquilla e pensare al Monaco. Penso che questa sia una prova di forza, una squadra matura che vuole vincere tutto. Penso che la maglia sia nel cuore anche lui. Sappiamo tutti l’importanza che ha se lui vuole restare qui siamo felici tutti. Con Carlitos Tevez e tutti possiamo pensare a vincere sempre“.

Leggi anche:  Lazio, Hoedt multato per il video sull'aereo biancoceleste

Bonucci a Sky

Il gol? Presa palla da Andrea ho visto i movimenti degli attaccanti, nessuno usciva e ho provato ad andare fino in fondo. Lo Scudetto cosa fatta? C’è da pedalare finché non c’è matematica. Stasera si è vista una grandissima Juve, ci siamo difesi e sacrificati sotto linea della palla e colpito negli spazi”.

Bonucci a Mediaset
Stasera e’ stato un bel gol merito di tutta la squadra, abbiamo affrontato la Lazio in modo solito. Aspettando le ripartenze e abbiamo concesso solo qualche tiro da fuori ad un attacco molto forte. Siamo arrivati nel momento cruciale, ogni partita e’ importantissima. Volevamo mantenere le distanze dalla Lazio. Continua la rincorsa ai tre obiettivi della stagione, e’ bello iniziarlo con la vittoria. Abbiamo fatto una vittoria importante,ma fino a quando la matematica ci dice che non lo abbiamo vinto, dobbiamo restare sul pezzo. Nello spogliatoio mi arriverà dopo il gol qualche scappellotto”.

  •   
  •  
  •  
  •