Lazio, centrocampo da rifare: out Biglia rientra Ledesma

Pubblicato il autore: Cristina G. Segui

Finale di stagione piuttosto impegnativo per la Lazio di Pioli, che dovrà difendere nelle prossime partite il secondo posto dalla Roma di Garcia per continuare il sogno Champions League diretta.

Ed è proprio in un momento così importante che la Lazio continua a perdere pezzi: ultima doccia fredda l’infortuno di Lucas Biglia in Juventus-Lazio che ha trasformato il centro-campo in una vera e propria emergenza da gestire per Pioli. Dopo gli stop di Parolo e de Vrij, l’espulsione di Cataldi a Torino, l’infortunio del regista argentino è sembrato un fulmine a ciel sereno che dall’entusiasmo per aver mantenuto il secondo posto ha posto sotto la luce il problema di dover affrontare le prossime gare senza un giocatore fondamentale, fatto che costringerà per forza di cose Pioli a rivedere assetto e tattica di una squadra che sembrava aver trovato finalmente il suo equilibrio. Ad aumentare la delusione sarebbe la dinamica dell’infortunio: Biglia si sarebbe infortunato infatti durante il riscaldamento allo Juventus Stadium, un quarto d’ora prima dell’inizio del match avvertendo un leggero fastidio, sul momento sottovalutato tanto da decidere di proseguire giocando l’intera partita. Il calciatore, che con la caviglia quest’anno ha avuto già un po’ di problemi, pare molto amareggiato per lo stop forzato ma nonostante tutto gli esami lasciano ancora speranza: l’infortunio appare serio, ma non tanto da pregiudicare la stagione.

Leggi anche:  Giudice Sportivo Serie A: un turno a Perin e Bakayoko

A questo punto per Pioli si aprono diversi scenari e una sostanziale certezza chiamata Ledesma: il veterano italo-argentino (in scadenza di contratto tra le altre cose) sembra infatti essere l’unico in grado di ricoprire il ruolo di regista davanti alla difesa in sostituzione di Biglia, fondamentale per Pioli sia in caso di 4-3-3 che di 4-2-3-1. La logica porterebbe l’allenatore a schierare la Lazio con il 4-3-3, rinunciando a uno tra Mauri, Candreva e Felipe Anderson mentre l’altra soluzione possibile spingerebbe Pioli a provare il tandem Lulic-Ledesma davanti alla difesa per poter mantenere il 4-2-3-1, così da non dover rinunciare ai tre trequartisti più Klose in avanti.

  •   
  •  
  •  
  •