Parma Juventus: ipotesi di 4-3-3 per Allegri

Pubblicato il autore: Maurizio de Strobel Segui

parma juventus

Parma Juventus di domani sera alle 18 rappresenta per gli uomini di Massimiliano Allegri l’ultimo impegno ufficiale prima di Juventus Monaco, in programma martedì 14 aprile. Inutile dire che l’impegno di Champions condizionerà tantissimo le scelte del mister bianconero, che contro il Parma dovrà cercare di mettere in campo una formazione competitiva, avendo però ben chiaro quello che in questo momento è l’obiettivo principale per la Vecchia Signora, vale a dire il passaggio di turno in Champions League. Di positivo, per Allegri, c’è il fatto che in Coppa Italia contro la Fiorentina la Juventus ha dimostrato di essere una squadra molto temibile pur essendo priva di numerosi titolari ed è proprio per questo che a Parma si vedrà una Juve fortemente rivoluzionata.

Leggi anche:  Torino, "quarto d'ora granata" sostituisca "quarto d'ora da stupidi"

Parma Juventus: prove di tridente

Per Parma Juventus Allegri sembra intenzionato ad abbandonare per una volta sia il 4-3-1-2 sia il 3-5-2, i due schemi che finora hanno consentito ai bianconeri di dominare il campionato. Il tecnico toscano non ama il tridente e le poche volte che quest’anno lo ha utilizzato – vedi la partita di andata in Coppa Italia contro la Fiorentina – le cose non sono andate benissimo. Ma contro il Parma e, soprattutto, in vista dei quarti di Champions League contro il Monaco, un’eccezione si può anche fare. Pertanto, almeno inizialmente, davanti spazio alle tre punte, con Pepe e Coman larghi sulle fasce e Llorente al centro. Dietro di loro dovrebbero agire Marchisio in cabina di regia, Vidal e Sturaro ai suoi lati.

Leggi anche:  Juventus, testa al mercato: aperta l'idea su Milik e Giroud

Parma Juventus: Pirlo o non Pirlo?

C’è poi il dubbio Pirlo. Difficile che il regista bresciano possa avere una maglia da titolare, ma Allegri potrebbe concedergli la mezz’ora finale o tutto il secondo tempo, in modo da poter valutare le sue condizioni in vista del Monaco. Ampio turnover anche nella difesa a quattro: Padoin, Bonucci, Ogbonna e De Ceglie sono i principali candidati ad occupare i posti nel reparto arretrato. Altre volte, però, Allegri ci ha stupito con le sue scelte (vedi Palermo Juventus prima della partita di Champions contro il Borussia Dortmund) e quindi non è detto che anche in Parma Juventus, alla fine, possa optare per qualche titolare in più.

  •   
  •  
  •  
  •