Torino Roma conferenza stampa Garcia: “La Giustizia sportiva italiana deve migliorare. De Rossi ci sarà, ok Totti”

Pubblicato il autore: Alessandro Marini Segui

conferenza stampa garcia

Torino Roma conferenza stampa Garcia
Alla vigilia di Torino Roma, in programma all’Olimpico di Torino domani alle ore 15, torna a parlare in conferenza stampa Garcia, tecnico giallorosso. Ecco la conferenza stampa Garcia integrale:
Sappiamo che De Rossi non si tira mai indietro, quali sono le sue condizioni? “Ha una piccola frattura sulla vertebra, deve gestire il dolore come ha sempre fatto e darà il massimo”.
Il Torino rispetto all’andata è cambiato molto “E’ una buona squadra, sappiamo che è sempre difficle giocare lì ma non cambia nulla sulla nostra voglia e giocheremo per vincere.”
Yanga Mbiwa da esterno basso è solo per l’emergenza? “E’ un giocatore interessante, ha giocato terzino in Francia. E’ meglio da centrale ovviamente ma ci da fisico ed intelligenza tattica anche in quel ruolo. E’ una scelta in più.”
Chi è favorita sulla corsa Champions? “Non facciamo prospettive, facciamo in modo di pensare solo a domani, giochiamo per vincere.”
Una settimana di lavoro tutti insieme dopo due vittorie consecutive. E’ cambiata l’autostima? “Le due vittorie hanno solo dimostrato ai ragazzi di esser sempre stati sulla giusta strada, questa settimana abbiamo lavorato tutti insieme ed è un bene. Ora giocheremo una volta a settimana ed è più semplice programmare.”
Il presidente Pallotta ha fatto capire come la pensa sugli striscioni. C’è distacco tra giocatori e tifosi? “Sulla prima parte non posso dire nulla. La giustizia sportiva italiana ha deciso così, decide uno soltanto. Negli altri paesi c’è una commissione che discute tutto, su questo punto la giustizia sportiva italiana deve migliorare, non è giusto così. Sulla seconda parte della domanda: le cose che sono successe prima e dopo con i tifosi, con la curva e i giocatori li prendo come “capricci” tra innamorati. Quando due si amano ci può essere un pò di dissenso. C’è l’amore tra giocatori e tifosi, lo so.”

Leggi anche:  SKY o TV8? Dove vedere Roma Young Boys in tv e in streaming, Europa League

E’ un vantaggio giocare fuori casa? “Al momento giocare in trasferta è più semplice, lo dicono i numeri.”
Con questa nuova fisionomia della squadra, passata dal massimo del possesos palla altissimo a quello visto con Cesena e Napoli, giocando di rimessa, Totti può inserirsi in questa nuova filosofia? “Noi lavoriamo con una società che ci da i numeri esatti, col Napoli abbiamo avuto un possesso palla inferiore ma non giocheremo tutte le partite così. Sono armi a disposizione, alla fine conta la prestazione che è data dai giocatori e dalla strategia partita per partita.”
Maicon che ha? Esiste la concreta possibilità di vedere Castan e Balzaretti? “Maicon sta meglio ma non abbastanza per tornare in gruppo, dobbiamo gestire il carico. Federico è tornato in gruppo, dopo 18 mesi di inattività deve riprendere il ritmo e l’intensità ma lui sarà convocato, per Leo è differente: ha avuto una cosa abbastanza seria, fa qualcosa con noi ma ha bisogno di tempo per ritrovare tutte le sue qualità. Già vederlo in campo sorridente mi fa sperare e spero che possa giocare prima della fine della stagione, il peggio è alle spalle.”
Sta spronando l’attacco? “Lavoriamo ogni giorno sulla qualità davanti alla porta, nella partita i giocatori devono essere pronti a sfruttare le occasioni e fare il giusto davanti alla porta.”
Ieri c’è stata la sconfitta in Youth League. E’ un problema di mentalità in Italia o di natura economica il fatto che i giovani siano indietro rispetto alle altre nazioni? “Anzitutto faccio i complimenti ad Alberto De Rossi e ai ragazzi. Siamo ancora indietro ma lavoriamo ogni giorno con voglia. Sono fiero dei ragazzi.”

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,