Milan – Torino 3-0, Berlusconi certo: El Shaarawy base del progetto, addio Inzaghi.

Pubblicato il autore: Antonio Branciforti Segui

541Inzaghi-El_Shaarawy_DAN4118

E’ quasi finita l’avventura di Filippo Inzaghi al Milan. Infatti con la vittoria di oggi contro il Torino per 3-0, Inzaghi ha giocato l’ultima partita col suo Milan a San Siro. Una vittoria sofferta quella della squadra rossonero, sotto di un uomo a causa dell’espulsione di Zaccardo, ma grazie a un ritrovato El Shaarawy autore di una doppietta (assente per gran parte della stagione) e a un rigore realizzato da Pazzini che ha riportato la parità numerica, è riuscito a portare a casa i 3 punti. Una vittoria di carattere quella messa da stasera da parte dei giocatori di mister Inzaghi, cosa che non si vedeva da molto tempo. L’allenatore rossonero ormai si sta godendo le ultime panchine con i rossoneri, cercando di incrementare la propria esperienza come allenatore, il quale anche se certo di non rimanere al Milan cercherà di portare a casa i 3 punti anche nella sua ultima partita in trasferta contro l’Atalanta. Oggi però il milan ha una certezza in più ovvero quella che porrà le basi del futuro nelle mani di El Sharaawy. Infatti stando alle parole del presidente Berlusconi, il Milan che verrà sarà su base italiana, cercando di valorizzare il made in Italy .

Leggi anche:  Europa League - Milan, Castillejo: "Vogliamo battere il Lille"

El Shaarawy è sicuramente il giocatore con maggior talento tra i giovani in Italia, sperando che la prossima stagione non sia caratterizzato ancora dai numerosi infortuni che ne hanno influito il rendimento nel corso delle ultime stagioni. Quel che è certo è che il giovane faraone ha tutte le carte in regola per diventare un top player di caratura internazionale e se sfornerà altre prestazioni di questo livello tornerà sicuramente in nazionale.

Berlusconi ha anche deciso di riportare sulla panchina del Milan un grande tecnico di livello affermato che ha fatto la storia del club rossonero: Carlo Ancelotti. Chi meglio di lui potrebbe riuscire nell’impresa di creare una grande squadra competitiva già per il prossimo anno? Anche se il mister del Real Madrid continua a smentire , sembra difficile che l’affare non vada in porto. Infatti quando si incomincia a muovere Galliani si riesce quasi sempre a portare a casa il bottino.

Leggi anche:  Morte Maradona, il saluto di Dries Mertens: "Ti chiedo scusa se il mio nome è stato accostato al tuo"

In alternativa se dovesse fallire il ritorno di Carletto, si sta valutando il profilo di Montella, il quale ormai sembra aver rotto con la tifoseria viola e anche voglioso di intraprendere una nuova esperienza in una grande squadra.

ALCUNI GOL DEL FARAONE AL MILAN:

  •   
  •  
  •  
  •