Il Milan vale davvero un miliardo di euro?

Pubblicato il autore: Matteo Testa Segui

Milan

La notizia che Silvio Berlusconi ha aperto alla cessione di alcune quote del Milan ha scatenato un vero terremoto nel panorama calcistico italiano. Il mese scorso Fininvest ha comunicato in una nota ufficiale che entro la fine dell’estate il 48% della società dovrebbe passare nelle mani dell’imprenditore thailandese Bee Taechaubol per una cifra che sembra si aggiri sui 480 milioni di euro. Ciò significa che il club di via Aldo Rossi viene valutato quasi 1 miliardo di euro.

L’operazione ha lasciato perplesso il presidente della Juventus Andrea Agnelli, che durante l’assemblea degli azionisti ha dichiarato di non comprendere i motivi di una valutazione così elevata nonostante la forza del brand Milan nel mondo. Il numero uno bianconero non è stato l’unico a chiedersi come è possibile che una società che non partecipa alle coppe europee da 2 anni e con debiti che superano i 200 milioni di euro possa valere così tanto. Per fare un paragone con altri club italiani, l’attuale presidente dell’Inter Erik Thohir ha speso tra i 250 e i 270 milioni di euro per il 70% delle quote detenute da Massimo Moratti. Ciò significa che la società nerazzurra è stata valutata circa 360 milioni di euro. Oggi La Stampa ha fatto chiarezza su qual è il reale prezzo del Milan sul mercato.

Il quotidiano torinese afferma che la valutazione di 1 miliardo fatta da Mr Bee è comprensiva anche del nuovo stadio che dovrebbe essere costruito in zona Portello. Il progetto per la nuova casa dei tifosi rossoneri dovrebbe costare circa 300 milioni di euro grazie agli investimenti di privati e la possibile sponsorizzazione di Fly Emirates. Ciò significa che la reale valutazione del Milan si aggira sui 700 milioni di euro. A maggio di quest’anno, la rivista specializzata Forbes ha valutato il Milan 682 milioni di euro contro i 737 della Juventus. Le cifre sembrano quindi in linea con quelle calcolate dagli esperti, ovviamente Agnelli permettendo.

Restando sul tema del nuovo stadio, voci vogliono che banca d’affari Goldman Sachs voglia partecipare alla costruzione dell’impianto in zona Portello e dovrebbe a breve incontrare i vertici societari rossoneri. La società statunitense ha già investito in Italia in questo tipo di progetti e sta già collaborando con la Roma per la realizzazione dello stadio di proprietà. Nel frattempo, si aspetta la decisione definitiva della Fondazione Fiera sul via libera o meno alla costruzione dell’impianto milanista. La risposta sarebbe dovuta arrivare il 25 giugno ma molto più probabilmente sarà annunciata solo il 10 luglio.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: