Allegri: “Solo noi possiamo invertire la tendenza”.

Pubblicato il autore: Antonio Chiera Segui

allegri dopo napoli juventus

Allegri: “Solo noi possiamo invertire la tendenza”

“È un momento di difficoltà, ma non possiamo piangerci addosso.

Piuttosto dobbiamo lavorare e fare punti”

La quinta giornata per la Juventus e ormai è alle spalle e non si può dire che sulla Juventus splenda il sole. Solo una vittoria, quella di Genova peraltro non sofferta, due pareggi e due sconfitte, ma la sconfitta di ieri sera brucia parecchio, perché allontana quasi definitivamente la corsa allo scudetto dei campioni d’Italia, più si va avanti e più si scuce il tricolore dal petto… anche se Allegri dice: “Solo noi possiamo invertire la tendenza”

Per la squadra di mister Allegri una prova tosta, contro i partenopei che ha permesso di sbloccare Napoli e bloccare ancora di più la Juventus. Sara pure il “momento” ma: “È un momento di difficoltà, ma non possiamo piangerci addosso. Piuttosto dobbiamo lavorare e fare punti”

Partita equilibrata con poche occasioni da ambo le parti 2 nel primo tempo, con Insigne che sfrutta meglio l’errore di tutta la difesa bianconera, e poi sbloccata solo l’avvio di ripresa con un altro generoso errore del “profeta” che consegna al “pepita” il 2 a 0. La reazione della Juventus è poca roba Zaza nel primo tempo con Reina che para, e Lemina con il momentaneo pareggio che buca la difesa di Sarri. Poi niente più.

Leggi anche:  Piccinini su Conte: "L'Inter non ha avuto ferocia? Troppo semplice. A questo punto anche io potrei fare l'allenatore"

Intanto mercoledì alle 20,45 è in programma la partita di Champions contro il Siviglia , in cui una vittoria se pur sofferta è arrivata. Gli andalusi passano in casa contro il Vallecano, per 2-0 grazie ai gol di Gameiro al 23’ e di N’Zonzi nel primo minuto di recupero della prima frazione di gioco, nella ripresa il Siviglia subisce il ritorno degli avversari. Accorcia Bebe al 51’, pareggia Guerra al 68’. Il match diventa equilibrato e ancora più divertente, con la calma che è destinata a rompersi a 4 minuti dal 90’, grazie alla rete di Konoplyanka, che vale i tre punti per i biancorossi.

Sorride tutta Napoli che si porta a casa i primi tre punti della stagione con la partita delle partite. Una conferma quella dell’undici di Sarri, che si pone da oggi come una delle squadre meglio attrezzate per far paura all’Inter. Una prova importante sarà quella del prossimo fine settimana quando a misurarne il valore sarà il Milan, per quello che si annuncia come un’ altro spettacolo del gol.

Mentre sarà il Bologna, ha tastare il polso a quella che era fino a poco tempo fa,  la favorita del torneo (allo JStadium). Allegri non è comunque dispiaciuto di incontrare il felsinei considerata la qualità dell’organico, parlando con tutto rispetto.  Se fino a ieri sera potevamo considerate la partita del riscatto, quello contro il Napoli ,domenica si presenta come occasione da dentro o fuori.

Leggi anche:  Juventus, Pirlo: "Andiamo a chiudere il discorso qualificazione"

La squadra di Delio Rossi appare ancora in rodaggio, con meccanismi da oliare e giocatori in ritardo di condizione, ma sicuramente nel proseguo del torneo può essere una delle sorprese in positivo della stagione.

La situazione per la Juventus ora è difficile, certo, con un’intera stagione davanti, che potrà cambiare si,  ma non in maniera sostanziale anche se, siamo certi che non mancherà il duro lavoro di mister Allegri. A fine gara il tecnico livornese, a denti stretti a commentato cosi il risultato della gara:

“Credo che sia stata una partita giocata alla pari e che il Napoli sia stato molto bravo sulle ripartenze, sfruttando le nostre palle perse, come in occasione del secondo gol. Nel primo tempo, nei primi venticinque minuti, abbiamo fatto la partita, poi abbiamo preso gol grazie a una bella giocata di Insigne e Higuain. Il Napoli è una squadra organizzata, ha grandi qualità in avanti e se concedi spazi ne approfittano. Il calcio è così: mercoledì un calcio d’angolo cambia il risultato e oggi prendi gol su due palle perse. È un momento di difficoltà, ma non possiamo piangerci addosso. Piuttosto dobbiamo lavorare e fare punti”.

Sicuramente le forze fresche pronti al rientro come Marchisio e Khedira in mezzo al campo non potrà che dare un grandissimo aiuto e non solo al tecnico, che ieri sera ha preferito Hernanes a Lemina lasciando Cuadrado in migliore sotto l’aspetto delle prestazioni ancora in panchina. Ecco comunque il pensiero di Allegri:

Leggi anche:  Lazio, Hoedt multato per il video sull'aereo biancoceleste

“Ho fatto questa scelta perché Lemina mi poteva dare qualcosa in più sul piano della corsa da interno destro Hernanes poteva dare più geometrie al gioco. Spiace per la palla persa in occasione del gol di Higuain, ma credo che in quel ruolo possa migliorare. Dove penso possa arrivare la Juve? Mi immagino che tornerà nei primi posti della classifica, non so se lotteremo per lo scudetto, ma dovremo provarci. Solo noi possiamo invertire la tendenza”.

Sarà certamente che: “Solo noi possiamo invertire la tendenza” ma se questo non succederà subito, sono certo che Allegri probabilmente dovrà cambiare subito aria!!!

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •