Balotelli ritorna al gol, il terzo all’Udinese nei due esordi milanisti

Pubblicato il autore: Valerio Nisi Segui

Balotelli

MILANO – Buona la seconda. Mario Balotelli è tornato. E’ tornato titolare con il Milan, è tornato a segnare e lo ha fatto proprio contro l’Udinese, la prima squadra contro cui aveva firmato il suo primo gol con la maglia del Milan, il 3 febbraio 2013. Anche questa volta è stato Balotelli ad aprire le marcature, con un gran calcio di punizione all’incrocio dei pali. Unica differenza è che il gol lo ha fatto al Friuli, campo da sempre ostico ai rossoneri. Basti pensare che erano cinque anni che il Milan non riusciva a vincere in casa dei bianconeri guidati da Stefano Colantuono. Balotelli non ha solo segnato, è stato anche il migliore in campo dei suoi. E cosa molto importante, nonostante ammonito e letteralmente subissato di falli con costanti provocazioni, il numero 45 del Milan ha mantenuto la calma e ha pensato solo a giocare. Se questa è la via della redenzione intrapresa da SuperMario, allora può essere anche quella del salto di qualità così a lungo aspettato. Adesso ci vuole consapevolezza e continuità. Balotelli sembra averlo capito, ma visti i numerosi tentativi per il momento falliti, diamoci tempo.

Leggi anche:  Dove vedere Inter Torino: streaming e diretta TV Serie A

MILAN A META’ – Quello visto ieri sera contro l’Udinese è stato un Milan per metà meraviglioso e per metà inguardabile. La classica storia di Dr. Jekyll e Mr. Hyde. Bene nel primo tempo, da lustrarsi gli occhi, sempre in possesso della palla e della partita, verticalizzazioni a cercare le punte e tre gol in saccoccia. Male, malissimo nella ripresa, tanto che al 2-3 segnato dal Zapata bianconero, brividi turchi hanno percorso la schiena dei rossoneri. Uscito Calabria, l’eccellente Calabria, Mihajlovic è stato costretto ad uno spostamento difensivo. Zapata, Cristian, sulla fascia destra e Alex al centro. Zapata da terzino destro ha ottenuto una retrocessione con il Villareal e Alex probabilmente ha in testa solo il Brasile. Sta di fatto che le difficoltà sono state evidenti. I due gol dell’Udinese sono arrivati entrambi da palle messe in mezzo, senza troppa lucidità, proprio dalla sinistra bianconera, dalla zona presidiata, neanche a dirlo, da Zapata e Alex. Il Milan dopo questo veloce 1-2 dell’Udinese è entrato nel pallone, senza giocarlo più. Una partita perfetta a metà, come scriverà Riccardo Montolivo su Twitter subito dopo la gara. Consapevole che comunque, contavano i tre punti.

Adesso c’è da preparare la gara contro il Genoa, su un altro campo da sempre ostico per il Milan. Domenica, alle 12:30 il Milan sarà al Marassi per cercare di allungare una striscia positiva di risultati che i tifosi rossoneri non vedono da tempi immemori. Dopo due vittorie consecutive, entrambe con il risultato di 3-2, Sinisa non vuole distrazioni. Le partite sono da chiudere e se già chiuse, da gestire. L’attacco era sistemato in partenza, il centrocampo sembra aver trovato la quadratura del cerchio sebbene diversi infortuni, adesso tocca alla difesa e a tutta la fase difensiva mettersi alla pari con i reparti. Una cosa sembra evidente: almeno quest’anno non ci si annoia.

  •   
  •  
  •  
  •