Candela: “Totti è gestito male, è il più intelligente della Roma”

Pubblicato il autore: Saverio Felici Segui

candela

Ormai quasi un opinionista di professione Vincent Candela, che ancora una volta non ha rifiutato l’intervista propostagli da Centro Suono Sport, esprimendo nell’occasione le sue opinioni sui problemi della Roma attuale, sui suoi giocatori e sull’amico Francesco Totti. Candela, ex terzino, fu uno degli undici titolari che sotto la guida di Fabio Capello portò la Roma al terzo scudetto della sua storia nel 2001. Rimasto molto legato alla squadra giallorossa, è un frequente commentatore delle sorti dei romanisti.

Le parole complete di Vincent Candela a Centro Suono Sport:

Totti sta venendo gestito male. E’ il giocatore più intelligente della Roma, e in questo momento l’intelligenza è necessaria quanto fisico e atletismo. Digne è capace anche se giovane, va lasciato giocare, mentre Florenzi pur giocando terzino non ha nulla da invidiare a chi gioca in attacco. E’ davvero bravo, e a differenza degli altri là davanti, nessuno lo fa mai notare, è veramente attacato alla maglia. Alla lunga questo fattore fa la differenza. In questo momento, Florenzi è uno dei più forti sia davanti che dietro. De Rossi sta facendo bene come centrale, salva la porta e la squadra ha un centrocampista in più. Non sarà Benatia, ma mi sta piacendo. per come vanno le cose al momento, meglio che giochi in difesa. Se tutti corrono il modulo non conta, lo si può cambiare anche in corso di match, mentre l’importante è il valore espresso dai giocatori. Non è il momento di fare esperimenti con Vainqueur e i vari giovani: si doveva provare due mesi fa, ormai è ottobre. Il francese se aiutato può diventare un grande, ma non è questo il momento di sperimentare. Per lo scudetto il vero avversario non è lInter, ma Mancini.”

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Europa League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata