Comunicato della Curva Sud: “Roma-Carpi la vediamo in tv”

Pubblicato il autore: Massimo Scialla Segui

Comunicato della Curva Sud

Altra decisione forte presa dallo zoccolo duro del tifo della Roma: dopo quella di assistere alla partita casalinga con la Juventus senza intonare cori, e quella di rimanere fuori dallo stadio in segno di protesta in occasione del match contro il Sassuolo di domenica scorsa, la presa di posizione espressa attraverso il comunicato della Curva Sud è quella di rimanere direttamente a casa. I rapporti già logori tra la tifoseria romanista e le istituzioni sportive e non solo, aveva preso una piega ancora peggiore quando in estate il prefetto Gabrielli aveva disposto la scissione della Curva Sud in due sotto-settori, per motivi di sicurezza ed identificazione degli autori di eventuali illeciti. Come se non bastasse tutto questo, era arrivata anche l’intervista del Questore Nicolò D’Angelo rilasciata alla Gazzetta dello Sport, che con toni che non faremmo fatica a definire da “caccia alle streghe” non aveva di certo placato gli animi.
Riportiamo di seguito il comunicato della Curva Sud:

Leggi anche:  Dove vedere Genoa Parma streaming e diretta Tv Serie A

“Tutti a casa! La Questura di Roma ci denuncia per manifestazione non autorizzata, ma noi non abbiamo fatto altro che sostenere i nostri colori da uomini liberi. Vogliamo sottolineare che abbiamo preso questa scelta per non creare problemi a voi ragazzi , che condividete le nostre scelte, noi siamo i vostri parafulmini , mai la causa dei vostri guai alla faccia di chi ci addita come il marcio della curva. Nessuno di chi è entrato domenica alla partita è stato minacciato anzi ringraziamo ancora una volta tutti per la comprensione e collaborazione.
Sabato la Curva Sud rimarrà a casa, per non dare adito a strumentalizzazioni, per salvaguardare tutti i ragazzi, per dare uno schiaffo morale a chi vorrebbe metterci il bavaglio.
Noi non siamo in vendita, non accettiamo compromessi, non molliamo di un centimetro.
Finché la nostra Curva non sarà liberata, finché l’As Roma non aprirà gli occhi.
Ed ora cara Questura di Roma e Cara Digos venite a toglierci il televisore a casa!
Avanti Curva Sud fino alla Vittoria!”.

Una questione di principio quindi, quella espressa nel comunicato della Curva Sud, che come tutte le questioni di principio rischia di diventare un gioco a chi riesce a farsi più male senza darlo a vedere. Ma in questo caso una curva vuota per una o più partite non farebbe fregare le mani a quelle istituzioni che a detta proprio delle tifoserie bramerebbero “svuotare gli stadi”? Gli unici a farsi del male, dunque, sarebbero gli abbonati di curva. L’unica a risentirne, di conseguenza, la Roma, che dovrà fare a meno anche contro il Carpi del dodicesimo uomo in campo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,